AL VIA LA SESTA EDIZIONE

A Bologna, arte e scienza in piazza

Inaugurata la manifestazione Arte e Scienza in Piazza che si svolge a Bologna dal 3 al 13 febbraio 2011, realizzata dalla Fondazione “Marino Golinelli”, col patrocinio e la collaborazione del Comune di Bologna. Obiettivo: portare la cultura scientifica a braccetto con l'arte nei palazzi del centro storico della città. Numerose le iniziative targate INAF.

     02/02/2011
Social buttons need cookies

Installazione curata da INAF alla mostra HappyTech

Giunto quest’anno alla sua sesta edizione, il progetto di diffusione della cultura scientifica La Scienza in Piazza cambia nome e diventa Arte e Scienza in Piazza. La manifestazione bolognese intende proporre ai visitatori una nuova esperienza di conoscenza attraverso l’arte e la scienza, intese come due facce della creatività umana che insieme permettono di vedere e capire di più sul nostro mondo.

Cuore della manifestazione è infatti Happy Tech. Macchine dal volto umano, mostra di arte e scienza incentrata sull’esplorazione del rapporto tra uomo e tecnologia. Alla mostra ha collaborato anche l’INAF, con un exibit che accompagna l’opera dell’artista Thomas Ruff nella sezione Conoscere il mondo. Quattro immagini astronomiche in trasparenza sintetizzano l’evoluzione dell’Universo e contemporaneamente la capacità del pensiero umano di comprenderlo.

Il "rover" senza attrito

Tra gli oltre cento eventi tra mostre, spettacoli, incontri con grandi nomi del panorama scientifico e culturale, laboratori didattici e sperimentali sul tema di arte e scienza, l’INAF-Osservatorio Astronomico di Bologna propone Il viaggio dell’astronauta, un percorso dedicato soprattutto ai visitatori più piccoli. Dopo avere indossato una tuta da astronauta, infatti, i ragazzi potranno pedalare sulla bici cosmica e percorrere il Sistema solare, fiatone permettendo. Potranno poi salire sulla bilancia astronomica e rilevare il proprio peso sui diversi pianeti, visitare in modo virtuale e in 3D gli ambienti della Stazione Spaziale Internazionale, telecomandare una navicella senza attrito, e finalmente portare a casa una foto ricordo dalla luna.

In collaborazione con l’associazione Sofos viene proposto il planetario full dome, un’esperienza per tutti a partire dai 6 anni. Attraverso le fantastiche proprietà di Digitarium, planetario di ultimissima generazione, verrà simulata la volta celeste, nel passato e nel futuro. Dopo l’osservazione del cielo, il planetario si trasformerà in un cinema con schermo “full dome” e l’interno della cupola diventerà la cabina di pilotaggio di uno Shuttle che condurrà alla Stazione Spaziale Internazionale. Il documentario è realizzato dal National Space Centre e portato per la prima volta a Bologna.

In mostra verranno anche proiettati due cartoni animati: Giga e Stick alla scoperta del Cosmo, realizzato dall’INAF-Osservatorio astronomico di Capodimonte, e Nello spazio di un minuto, a cura dell’Agenzia Spaziale Italiana.

Astronauti veri e presunti

Dopo tante simulazioni, è anche prevista la partecipazione di un astronauta vero: sabato 12 febbraio, a partire dalle 15:30, Paolo Nespoli sarà in collegamento dalla Stazione Spaziale Internazionale per parlare con i visitatori di Arte e Scienza in Piazza 2011.

Vedi la galleria di immagini dell’allestimento, i servizio video sulla inaugurazione della manifestazione e sulla anteprima della mostra Happy Tech.

Il viaggio dell’astronauta. Fruizione: dagli 8 ai 99 anni. Pubblico: tutti i giorni, fruizione libera. Sab. e dom. possibilità di visite guidate ore 11.00, 15.00, 17.00 durata 1h. (max 20 persone). Scuole: dal lun. al ven. repliche ore 9.00, 10.00, 11.00, 12.00 (pomeriggi su richiesta)

Planetario full-dome. Fruizione: dai 6 ai 99 anni. Pubblico: dal lun. al ven. ore 16.00 e 17.00* ; Sab. e dom. repliche ore 10.00, 11.00*, 12.00, 15.00*, 16.00, 17.00*, 18.00, durata 1h fino a esaurimento posti (max. 45 persone) * planetario seguito da documentario di astronautica. Scuole: dal lun. al ven. repliche ore 9.00, 10.00, 11.00, 12.00 (pomeriggio su richiesta)