ESPLOSIONE STELLARE

Distruzione in atto nella Carena

Le ultime immagini ottenute con lo strumento MUSE, montato sul VLT (Very Large Telescope) dell'ESO, mostrano la regione R44 all'interno della Nebulosa Carena, a circa 7500 anni luce da noi. Le stelle massicce all'interno della zona di formazione stellare stanno lentamente distruggendo i pilastri di polvere e gas da cui hanno avuto origine

Questa immagine composita mostra alcuni pilastri all'interno della Nebulosa Carena, osservati e studiati dallo strumento MUSE, montato sul VLT (Very Large Telescope) dell'ESO. Le stelle massicce all'interno della zona di formazione stellare stanno lentamente distruggendo i pilastri di polvere e gas da cui hanno avuto origine. Crediti: ESO/A. McLeod

Questa immagine composita mostra alcuni pilastri all’interno della Nebulosa Carena, osservati e studiati dallo strumento MUSE, montato sul VLT (Very Large Telescope) dell’ESO. Le stelle massicce all’interno della zona di formazione stellare stanno lentamente distruggendo i pilastri di polvere e gas da cui hanno avuto origine. Crediti: ESO/A. McLeod

Lo strumento MUSE, (Multi Unit Spectroscopic Explorer) installato sul VLT (Very Large Telescope) dell’ESO, ha realizzato nuove, spettacolari osservazioni di vaste strutture colonnari all’interno della Nebulosa Carena. Le diverse colonne analizzate da un’equipe internazionale sembrano essere “pilastri di distruzione” – per analogia con i famosi “pilastri di creazione” della Nebulosa Aquila, di natura simile.

Le guglie e le colonne che appaiono in queste nuove immagini della Nebulosa Carena sono estese nubi di polvere e gas all’interno di una fucina di formazione stellare a circa 7500 anni luce da noi. I pilastri che si vedono nella nebulosa sono stati osservati da un’equipe guidata da Anna McLeod, studentessa di dottorato all’ESO. La grande risorsa di MUSE è di produrre contemporaneamente migliaia di immagini della nebulosa, ciascuna a una diversa lunghezza d’onda. In questo modo gli astronomi possono mappare le proprietà chimiche e fisiche della materia in diversi punti della nebulosa. I dieci pilastri osservati in totale hanno mostrato un chiaro legame tra la radiazione emessa dalle stelle massicce nei dintorni e le strutture caratteristiche dei pilastri.

Per ironia della sorte, una delle prime conseguenze della formazione di una stella massiccia è che a mano a mano distrugge la nube da cui è nata. L’idea che le stelle massicce abbiano un effetto notevole sui loro dintorni non è nuova: queste stelle infatti producono vaste quantità di radiazione ionizzante – emissione con energia sufficiente per strappare agli atomi i loro elettroni più esterni. È però molto difficile ottenere prove osservative dell’interazione tra queste stelle e l’ambiente circostante.

Questo scosceso picco montagnoso avvolto da nubi sfilacciate sembra uno strano paesaggio di fantasia. In realtà è una colonna di nube e gas, alta circa tre anni luce, che viene lentamente consumata dalla luce brillante delle stelle vicine. Il pilastro viene aggredito anche dall'interno, delle stelle neonate i cui getti di gas si vedono spuntare dai picchi torreggianti. Crediti: ESO/A. McLeod

Questo scosceso picco montagnoso avvolto da nubi sfilacciate sembra uno strano paesaggio di fantasia. In realtà è una colonna di nube e gas, alta circa tre anni luce, che viene lentamente consumata dalla luce brillante delle stelle vicine. Il pilastro viene aggredito anche dall’interno, delle stelle neonate i cui getti di gas si vedono spuntare dai picchi torreggianti. Crediti: ESO/A. McLeod

L’equipe ha analizzato l’effetto di questa radiazione energetica sui pilastri: un processo noto come fotoevaporazione, per mezzo del quale il gas viene ionizzato e poi si disperde. Osservando i risultati di questo fenomeno – con un modello che comprendeva la perdita di massa dai pilastri – i ricercatori hanno potuto identificare i colpevoli: risultava chiara la correlazione tra la quantità di radiazione ionizzante emessa dalle stelle vicine e la dissipazione nei pilastri. È quasi una calamità cosmica, con le stelle massicce che si rivoltano ai loro stessi creatori. Resta di fatto che la complessità dei meccanismi di interazione tra le stelle e i pilastri rimane ancora non del tutto compresa. I pilastri sembrano densi, ma in realtà le nubi di gas e polvere che li formano sono molto tenui. È possibile che la radiazione e i venti stellari delle stelle massicce aiutino anche a formare zone più dense all’interno dei pilastri, ove di conseguenza si possono formare le stelle.

Queste fantasmagoriche strutture celesti hanno ancora molto da dirci e MUSE è lo strumento ideale per scoprirlo.

IL VIDEO SU INAF TV:

Fonte: comunicato stampa ESO