LA SONDA NASA IN VISTA DELLA META

JUNO, alla scoperta dei segreti di Giove

La sonda NASA Juno, lanciata nell’agosto del 2011 nel quadro del programma New Frontiers, è arrivata in vista della sua meta: Giove, il pianeta più grande del Sistema solare, di cui ci aiuterà a capire origine ed evoluzione. Grazie alla sequenza programmata di accensione dei razzi, Juno andrà a inserirsi il prossimo 4 luglio in un'orbita polare, con un periodo di 11 giorni, rispetto al pianeta gigante. Fra le sonde alimentate a energia solare, è quella che si è spinta più lontano dalla nostra stella madre. La missione prevede il completamento di 32 orbite attorno a Giove prima della sua conclusione, prevista per il 2017. E anche attorno a Giove l’Italia c’è

La sonda Juno, alimentata dai grandi pannelli solari che potete vedere in questa rappresentazione artistica, raggiungerà il prossimo 4 luglio il suo obiettivo: Giove. Crediti: NASA

La sonda Juno, alimentata dai grandi pannelli solari che potete vedere in questa rappresentazione artistica, raggiungerà il prossimo 4 luglio il suo obiettivo: Giove. Crediti: NASA

Lanciata nell’agosto del 2011 dalla base militare di Cape Canaveral, in Florida, la sonda Juno è arrivata in vista della sua meta: Giove, il pianeta più grande del nostro sistema solare, di cui ci aiuterà a capire origine ed evoluzione. La missione si inserisce nel Programma New Frontiers della NASA, costituito da una serie di missioni spaziali altamente specializzate e a medio costo, non superiore a 700 milioni di dollari. Juno, grazie alla sequenza programmata di accensione dei razzi, andrà a inserirsi in un’orbita polare, con un periodo di 11 giorni, rispetto al pianeta gigante. È la sonda alimentata a energia solare ad essersi spinta più lontano dalla nostra stella madre, anzi è la prima sonda a energia solare specificamente progettata per operare a queste distanze grazie a grandi pannelli solari: ognuno lungo 9 metri e con ben 18.698 celle solari.

Le osservazioni andranno dalla magnetosfera all’interno del pianeta stesso. Proprio da questo il nome della  missione: la mitica Giunone (Juno, appunto), moglie di Giove, fu infatti in grado di scoprire i segreti del marito riuscendo a dissipare la fitta coltre di nubi in cui si celava. La missione prevede il completamento di oltre trenta orbite attorno a Giove prima della sua conclusione, prevista per il 2017. L’inserimento nell’orbita polare è in calendario per il prossimo 4 luglio. E anche attorno a Giove l’Italia c’è.

Lo strumento JIRAM (Jupiter InfraRed Auroral Mapper) per le studio delle aurore e dell’atmosfera gioviana. JIRAM è stato fornito dall’ASI e sviluppato con il supporto scientifico dell’INAF IAPS. Crediti: NASA.

Lo strumento JIRAM (Jupiter InfraRed Auroral Mapper) per le studio delle aurore e dell’atmosfera gioviana. JIRAM è stato fornito dall’ASI e sviluppato con il supporto scientifico dell’INAF IAPS.
Crediti: NASA.

Juno ci offrirà una visione dettagliata del pianeta e dell’ambiente a esso circostante. E questo grazie al suo straordinario equipaggiamento, composto da ben 10 strumenti scientifici. Il nostro paese è protagonista con due degli strumenti a bordo: JIRAM (Jupiter InfraRed Auroral Mapper) per le studio delle aurore e dell’atmosfera e un transponder in banda Ka per studi gravitazionali. JIRAM è stato fornito dall’Agenzia spaziale Italianasviluppato con il supporto scientifico dell’INAFprincipal investigator dello strumento è Alberto Adriani dell’Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali dell’INAF di Roma. JIRAM appartiene a una famiglia di strumenti che stanno attualmente volando a bordo di diverse missioni spaziali: VIRTIS su Rosetta e Venus Express, VIR a bordo di Dawn della NASA e VIMS, il primogenito della famiglia, sulla missione Cassini NASA-ESA-ASI, in orbita attorno a Saturno. Tutti strumenti ideati dal gruppo di ricerca guidato dalla compianta Angioletta Coradini, planetologa INAF scomparsa cinque anni fa.

JIRAM, che è in grado di produrre sia spettri sia immagini, ha lo scopo primario di esaminare gli strati più esterni dell’atmosfera gioviana nell’infrarosso (nella banda tra 2 e 5 μm), spingendosi fino a livelli di profondità di circa mille chilometri. KaT (Ka-Band Translator), anch’esso fornito dall’ASI e realizzato da Thales Alenia Space Italia con il supporto del team scientifico dell’Università di Roma “La Sapienza”, sarà invece dedicato allo studio della composizione interna del pianeta e sul suo campo gravitazionale.

Determinare, ad esempio, quanta acqua sia presente nell’atmosfera gioviana ci permetterà di capire quale sia la teoria più corretta riguardo la formazione del pianeta fra quelle ad oggi ancora dibattute, o se sia piuttosto necessario formularne di nuove. Comprendere i segreti di Giove ci aiuterà a fare chiarezza sulle origini del nostro Sistema solare. Juno cercherà di determinare la struttura interna del pianeta per comprendere se sia presente una componente solida, esplorerà la magnetosfera polare e ricercherà l’origine del campo magnetico, misurerà l’abbondanza di acqua, caratterizzerà i venti nella bassa atmosfera e le abbondanze relative di ossigeno e azoto, oltre le variazioni dovute a fenomeni atmosferici. Insomma dovrà aiutarci a capire davvero chi è Giove. Un altro obiettivo della missione sarà studiarne le aurore boreali, già osservate dalla Terra, comprendendone i meccanismi, al fine di studiare il campo magnetico del pianeta e la sua interazione con l’atmosfera.

La placca dedicata a Galileo Galilei, fornita dall'Agenzia Spaziale Italiana che si trova a bordo di Juno. E' una copia in alluminio dell'originale manoscritto in cui Galileo descrisse per la prima volta le 4 lune di Giove, note infatti anche come lune galileiane. Crediti: ASI/NASA.

La placca dedicata a Galileo Galilei, fornita dall’Agenzia Spaziale Italiana, che si trova a bordo di Juno. È una copia in alluminio dell’originale manoscritto in cui Galileo descrisse per la prima volta le 4 lune di Giove, note infatti anche come lune galileiane. Crediti: ASI/NASA.

La sonda porta con sé anche una placca dedicata a Galileo Galilei, fornita dall’Agenzia Spaziale Italiana: una copia in alluminio dell’originale manoscritto in cui Galileo ha descritto per la prima volta le 4 lune di Giove, note infatti come lune galileiane. A bordo anche 3 figurine LEGO, che rappresentano Galileo, Giove e sua moglie Giunone.

Appuntamento per il 4 luglio quindi, e speriamo che Juno, al pari dell’eroe Micromega – filosofo proveniente dalla stella Sirio protagonista dell’omonima opera di Voltaire, che per un anno si fermò su Giove – alla fine della missione abbia «imparato alcuni segreti veramente degni di nota», per poter accrescere la nostra comprensione dei misteri del cosmo.

Scarica l’infografica sugli strumenti di Juno:

juno_infografica_intera_colore

Realizzazione grafica di Davide Coero Borga – Media INAF

Guarda l’animazione di INAF TV:

Fonte: Media INAF | Scritto da Francesca Aloisio