L'IMMAGINE DAL TELESCOPIO SPAZIALE NASA/ESA

L’occhio di Hubble sulla Tarantola

Ci propone un dettaglio della Nebulosa della Tarantola, nella Grande Nube di Magellano, l'immagine scelta dal team di Hubble questa settimana. Nella nebulosa convivono due momenti dell'evoluzione stellare, la nascita e la morte, in un insieme di momenti che pennellano l'affresco.

È un’affascinante immagine della Nebulosa della Tarantola quella che ci offre questa settimana il telescopio spaziale NASA/ESA Hubble. La nebulosa della Tarantola è una vasta nube di formazione stellare  fatta di gas e polvere nella nostra galassia vicina, la Grande Nube di Magellano.

L’immagine stringe sulla regione centrale della Tarantola che appare brillante come l’incandescenza a causa della ionizzazione dei gas e  la nascita di giovani stelle.

La Nebulosa della Tarantola deve il suo nome ai suoi bracci, che l’hanno fatta apparire, agli occhi degli astronomi, simile ad un ragno. Nella zona visibile della nebulosa è possibile osservare i filamenti di gas e polvere prodotti dalla recente esplosione di una supernovae, i cui resti (NGC2060), di seguito a sinistra del centro dell’immagine, contengono la più brillante pulsar conosciuta.

La Nebulosa della Tarantola mette insieme stelle morenti e giovani stelle appena formatesi grazie all’idrogeno che mette loro a disposizione la nebulosa, Queste stelle bambine brillano dell’intensa luce ultravioletta dell’idrogeno ionizzato, che la rende di colore rosso visibile da Terra a occhio nudo, in particolari condizioni di osservazione, nonostante i 170mila anni luce di distanza dal nostro pianeta.

Vai al comunicato dell’ESA/HUBBLE