OLIMPIADI DELL'ASTRONOMIA, ECCO I 5 FINALISTI

Per un chilo di protoni

Concluse ieri a Torino le selezioni nazionali delle Olimpiadi dell’Astronomia. I cinque campioni «celesti» rappresenteranno l’Italia alla gara internazionale in Crimea, in calendario per il prossimo autunno.

Nemmeno la nube islandese è riuscita a fermarli. Dei 36 candidati alla finale nazionale delle Olimpiadi di Astronomia, ieri a Torino erano riusciti a presentarsi solo in 32. Ma alla fine anche i quattro aspiranti campioni di Catania, impossibilitati a raggiungere Pino Torinese per il blocco del traffico aereo, hanno avuto la possibilità di gareggiare: è stata infatti approntata al volo una succursale della sede d’esame nella loro città.

Prova scritta al mattino e orali al pomeriggio. Con quesiti difficili ma anche divertenti. Come quello dell’Astronave Cosmo Chef, per il quale i candidati si sono dovuti improvvisare cuochi spaziali. E calcolare quanti viaggi su e giù per cluster e galassie occorrono per mettere insieme un chilo di protoni, ingrediente principale dell’omonimo dolce.

Ma ecco i nomi dei cinque vincitori, ben quattro dei quali da licei del Mezzogiorno:

  • Marco Monaci, categoria senior, del liceo scientifico «Guglielmo Marconi» di Grosseto
  • Simone Polimeni, categoria senior, del liceo scientifico «Leonardo da Vinci» di Reggio Calabria
  • Nicola Plutino, categoria junior, del liceo scientifico «Leonardo da Vinci» di Reggio Calabria
  • Roberto Ribatti, categoria junior, del liceo scientifico «Riccardo Nuzzi« di Andria (BA)
  • Giovanni Barilla, categoria junior, del liceo scientifico «Leonardo da Vinci» di Reggio Calabria

Ai due senior va un viaggio premio al Telescopio Nazionale Galileo, alle Canarie. Per i junior è previsto uno stage presso strutture INAF: il Radiotelescopio di Medicina (BO) o l’Osservatorio astronomico di Teramo. Per divertirsi, ma anche per scaldarsi i muscoli (cerebrali): a tutti e cinque loro, infatti, il compito di rappresentare l’Italia alla finale internazionale, che si terrà in autunno in Crimea.

Assegnato anche un premio fedeltà. Una targa e quattro medaglie, in memoria dell’astronomo italiano Giovanni Virginio Schiaparelli, sono infatti andate ai candidati giunti alla loro terza selezione: Simone Polimeni, Benedetto Lui, Giovanni Aricò, Federico Zadra e Marco Monaci.

Guarda il servizio andato in onda sul TG Leonardo:
[flv:http://www.media.inaf.it/video/flv/20100419-TgLeonardo.flv 400 300]

Per saperne di più visita: http://www.olimpiadiastronomia.it