LA PROPOSTA DI ALEXANDER MATHER, STUDENTE DI SECONDA MEDIA

E il nuovo nome di Mars 2020 è… Perseverance!

Si chiamerà Perseverance il rover della missione della Nasa che verrà lanciato nello spazio la prossima estate, con destinazione il Pianeta rosso. Il nome, svelato oggi, è stato oggetto di un concorso che ha raccolto oltre 28mila proposte, di cui solo 155 sono state selezionate come semifinaliste. Di queste, una rosa di 9 nomi è arrivata in finale, e oggi Thomas Zurbuchen ha annunciato il vincitore

     05/03/2020
Social buttons need cookies

Illustrazione del rover Mars 2020, che verrà lanciato nell’estate del 2020. Crediti: Nasa/Jpl-Caltech

And the winner is… Perseverance!

Perseverance, questo il nome del rover della missione Mars  2020, che verrà lanciato nello spazio la prossima estate, verso il Pianeta rosso. A proporlo, uno studente di seconda media della Virginia, Alexander Mather. La Nasa lo ha finalmente svelato durante un evento in diretta su Nasa Television, trasmesso in streaming anche su Facebook, Ustream, YouTube, Twitter e sul sito web dell’agenzia.

Il nome è stato oggetto di un concorso nazionale – “Name the Rover” – che ha raccolto oltre 28mila proposte da altrettanti studenti di ogni stato e territorio degli Stati Uniti. Quasi 4700 giudici volontari – tra educatori, professionisti e appassionati di spazio provenienti da tutto il paese – hanno contribuito a restringere la rosa delle proposte a 155 nomi semifinalisti. Un secondo round di valutazione ha selezionato le nove proposte finaliste che sono state messe ai voti tramite un sondaggio pubblico online, prima che Thomas Zurbuchen, amministratore associato del Nasa’s Science Mission Directorate, annunciasse la selezione finale.

Il concorso ha rappresentato una grande opportunità per i giovani di essere coinvolti nella missione della Nasa dedicata all’esplorazione di Marte e rientra negli sforzi che l’agenzia sta facendo per coinvolgere e ispirare gli studenti di tutto il mondo nelle discipline Stem, fondamento dell’esplorazione spaziale: scienza, tecnologia, ingegneria e matematica.

Alexander Mather, lo studente di seconda media della Virginia vincitore – con la proposta di chiamare Mars 2020 “Perseverance” – del concorso Nasa “Name the Rover”. Crediti: Joseph Rebello

Attualmente il rover Perseverance si trova presso il Kennedy Space Center dell’agenzia, in Florida, e si sta preparando per il lancio di questa estate. Il rover fa parte di un più ampio programma di esplorazione spaziale che include diverse missioni sulla Luna, in preparazione delle prime missioni umane sul pianeta rosso. Il programma si chiama Artemis e riporterà gli astronauti sulla Luna entro il 2024. Inoltre, stabilirà una presenza umana sostenibile sul nostro satellite e intorno ad esso, in una stazione spaziale in orbita lunare chiamata Gateway, entro il 2028.

Il rover della Nasa potrebbe non essere l’unico a essere lanciato la prossima estate: anche il rover di ExoMars 2020, la missione dell’Agenzia spaziale europea – chiamato Rosalind Franklin, in onore della chimica britannica che contribuì in modo fondamentale alla scoperta della struttura a doppia elica del Dna – nominalmente dovrebbe partire a luglio. Tuttavia c’è il rischio che il lancio possa essere rimandato per via di un problema verificatosi ai paracaduti durante un test ad alta quota. Purtroppo, ogni ritardo nella schedula che porta a mancare la finestra di lancio (25 luglio – 13 agosto), comporta il dover aspettare la prossima finestra di lancio, che per Marte è 26 mesi dopo quella attuale, ossia alla fine del 2022. Incrociamo le dita anche per lui, affinché i due piccoli compagni possano ritrovarsi sul Pianeta rosso insieme, già dai primi mesi del 2021!

Guarda il video della Nasa: