LE FOTO DI OPPORTUNITY

Il cratere Orione su Marte, ricordando Apollo 16

Il rover Opportunity della Nasa ha reso omaggio al sedicesimo viaggio della missione Apollo fotografando un particolare cratere marziano

Il cratere Orione su Marte. Crediti: NASA/JPL-Caltech/Cornell Univ./Arizona State Univ.

Nonostante le decine di milioni di chilometri che li separano, la Luna e Marte sono più “vicini” di quanto pensiamo. Cosa hanno in comune? Un cratere marziano e la missione Apollo. Il cratere Orione è stato chiamato così dal team scientifico della Nasa in onore del modulo lunare Orion che ha trasportato, in un viaggio andata e ritorno sul nostro satellite naturale, gli astronauti John Young e Charles Duke nel 1972. Lo scorso aprile, durante i giorni del 45esimo anniversario di Apollo 16, il rover Opportunity ha fotografato il giovane cratere Orione, il cui nome ricorda anche la navicella della Nasa Orion (Multi-Purpose Crew Vehicle) che sarà utilizzata nei prossimi anni nell’esplorazione umana degli asteroidi, degli spazi tra la Terra e la Luna e – chissà – anche per un futuro sbarco su Marte.

Le immagini sono state scattate lo scorso 26 aprile dalla Panoramic Camera (Pancam) a bordo del rover arrivato su Marte il 25 gennaio 2004, durante il sol di lavoro (giorno marziano) numero 4712 di Opportunity su Marte. Il cratere è largo circa 27 metri e si formato “solo” 10 milioni di anni fa (la datazione è stata fatta basandosi sull’erosione dei bordi del cratere). Questa formazione si trova sul bordo occidentale del cratere Endeavor, che ha un diametro di 22 chilometri e più di 3,6 miliardi di anni di età.

Il cratere Orione su Marte. Crediti: NASA/JPL-Caltech/Cornell Univ./Arizona State Univ

«Si è visto che il cratere Orione ha quasi esattamente la stessa dimensione del cratere Plum sulla Luna, che John Young e Charles Duke hanno esplorato durante la prima di tre passeggiate lunari», ha detto Jim Rice, del team scientifico di Opportunity.

Il cratere Orione in 3D su Marte. Crediti: NASA/JPL-Caltech/Cornell Univ./Arizona State Univ.

Per saperne di più:

Clicca QUI per altre informazioni sulla missione Opportunity