RIFLESSIONI IN RIME BACIATE: VENTI QUARTINE D’OTTONARI IN SICILIANO

Sconfinati e inesplorati, “l’universu e lu pinsieru”

È una poesia che racconta di come in fondo il pensiero e l’universo siano simili: entrambi sconfinati e inesplorati. A inviarcela è stato un nostro lettore di Cefalù, l’86enne Filippo Culotta. S’intitola “L'universu e lu pinsieru”. Ci è piaciuta assai, dunque con il consenso dell’autore la condividiamo con voi, corredata di una traduzione a cura del professor Massimo Genchi del gruppo di ricerca dell’Atlante linguistico della Sicilia

     20/07/2022
Social buttons need cookies

Caricatura dell’autore del componimento, Filippo Culotta

Ci è arrivata qualche giorno fa nella casella di posta della redazione. È una poesia in dialetto siciliano. Racconta di un uomo che, assopito su un muretto dopo una dura giornata di lavoro, inizia a ragionare su quanto in fondo l’attività della mente umana di formazione delle idee, il pensiero, sia simile al tutto cosmico, l’universo: entrambi sconfinati e inesplorati.

A inviarcela, spronato dall’aver letto sul nostro sito la news relativa alle meravigliose immagini  inviateci dal James Webb Space Telescope della Nasa, è stato un nostro lettore 86enne, Filippo Culotta. Cefaludese, sposato da 52 anni, due figli, tre nipotine e una carriera trascorsa nell’aeronautica militare, ci tiene a raccontarci con una punta di orgoglio che il suo nome è fra quelli in volo verso il Sole a bordo della sonda Parker solar probe.

Sperando di fare cosa gradita, condividiamo con tutti voi, cari lettori e lettrici di Media Inaf, il suo componimento – “L’universu e lu pinsieru”, corredato di una traduzione a cura di Massimo Genchi, docente di matematica e fisica, componente del gruppo di ricerca dell’Atlante linguistico della Sicilia (Als) istituito presso il Centro di studi filologici e linguistici siciliani e co-autore di diverse opere come il Lessico del dialetto di Castelbuono (2000), il Lessico della cultura dialettale delle Madonie (2010, 2011), il saggio su Bosco, carbone e carbonai a Castelbuono (2016) e di un saggio di antroponomastica popolare a Castelbuono (in preparazione). Buona lettura!

L’universu e lu pinsieru

Stisu ncapu ‘nna ghiuttiena
nn’omu ‘a tiesta s’assiriena,
stancu jè ri travagghiari
e accuminzò a sdilliriari;

si livò lu cappiddazzu
e s’u misi pi ghiumazzu,
si vutò po’ a panza a ll’aria
e si nni jù nn’aria nn’aria…

piensa n’omu ri campagna,
chi ’un canusci la lavagna;
nn’omu largu ri pinsieru…
n’omu giustu, n’omu vieru!

Ri l’universu fascinusu
ha statu siempri curiusu;
si talia la luna e i stiddi
cu ‘nna manu ‘nte capiddi;

cu ddu’ jrita s’i ‘ntrizza…
po’ li struogghi, po’ l’aggrizza,
jeni stancu pi ddavieru!
ma già curri cu’ pinsieru;

accussì, ‘ntra r’iddu e d’iddu,
ci satò ‘n tiesta nn’ariddu:
‘mmagginari cu’ pinsieru
tuttu l’universu ‘ntieru…!

Tra ‘u pinsieru e l’universu
‘un vitti nienti ri diviersu;
l’universu e lu pinsieru
s’assimigghinu ravieru!

sunnu ‘ranni tutti rui,
unu è fiermu, l’autru ‘un fuj;
unu jè sienza cunfini…
puru ‘u pinsieru ‘un havi fini!

Ci nn’è unu r’universu,
mancu ccà jeni diviersu;
‘nfiniti parinu i pinsieri,
vannu e tuorninu nn’arrieri,

ma ‘nto ‘n cirivieddu umanu,
jè unu sulu… si un cristianu
ri pinsieru jè custanti,
jeni unu… ‘un sunnu tanti!

L’universu, ‘ranni e stranu,
è cuomu lu pinsieru umanu!
ma com’ieni lu pinsieru…?
cuomu l’universu ‘ntieru!

accussì, p’un ciertu viersu,
assimigghia a ll’universu;
c’jeni luci? c’jeni scuru?
‘u pinsieru è accussì puru!

Quannu nasci lu pinsieru
‘un è amicu nnè stranieru;
si svanisci, si s’è piersu…
spunna e và ‘nta ll’universu!

Rura picca? ‘un havi fini?
puru iddu ‘un ha cunfini…!
ma cu lu viri? cu lu sienti?
sulu ri l’uomini la mienti!

Nascinu e muorinu l’armali,
‘u pinsieru è siempri uguali!
s’unu pigghia ‘nsignamientu
‘u lassa puoi pi tistamientu.

Riccu jè sienza rinari
cu javi tiempu pi pinsari;
muori l’uomu, ma ‘u pinsieru
r’iddu ‘un muori… chi misteru!

campa eternu cu ha pinsatu
‘nta ll’universu scunfinatu;
ddà puoi ‘u visita ‘u pinsieru…
e cuomu fa? ‘un pari vieru!

Cuomu nasci ‘un si capisci
e, ‘n casu muori, po’ allivisci;
ri la mienti passa ò cuori,
unu nasci… l’autru muori.

L’universu è scunfinatu…
pari ‘u stissu, ha mai canciatu?
‘u pinsieru… maravigghia…!
uora lassa… puoi arripigghia!

sata r’una a ll’autra bbanna,
a ll’infinitu o ri ‘nna spanna;
‘un c’è cchiù granni libirtà
‘n tutta ‘a ‘ntiera Umanità!


L’universo e il pensiero

Steso su un sedile di pietra
un uomo si rasserena la testa,
è stanco del lavoro
e cominciò a fantasticare;

si tolse il cappellaccio
e lo pose per cuscino,
Si girò con la pancia in aria
e col pensiero partì lieve per l’aria…

Pensa un uomo di campagna,
che non conosce la lavagna;
un uomo di larghe vedute
un uomo come si deve, un uomo vero!

Dell’universo fascinoso
da sempre è stato curioso;
osserva la luna e le stelle
con una mano a toccarsi i capelli;

con due dita se li intreccia…
indi li svolge, poi li arriccia,
è stanco veramente!
Ma già corre col pensiero;

così, tra sé e sé,
gli saltò un grillo per la testa:
immaginare col pensiero
l’universo per intero!

Tra il pensiero e l’universo
nulla vide di dissimile;
l’universo ed il pensiero
sono simili davvero!

Sono grandi entrambi,
uno è fermo, l’altro non fugge;
uno è senza confini…
anche il pensiero non ha fine!

C’è un solo universo
e l’altro caso non è diverso;
infiniti i pensieri sembrano
vanno per poi tornare indietro

ma nel cervello umano
è solo uno… se un umano
di pensiero è costante,
è uno solo, non sono tanti!

L’universo, grande e strano,
è come il pensiero umano!
Ma poi com’è il pensiero?
Come l’universo intero!

Così, per un dato verso,
somiglia all’universo;
c’è luce? c’è buio?
Anche il pensiero è così!

Quando nasce il pensiero
non è amico né straniero;
se svanisce, se si è perso…
deborda e sbocca nell’universo!

Dura poco? Non ha fine?
Anche lui non ha confini!
Ma chi lo vede? Chi lo ode?
Solo la mente degli uomini!

Nascono e muoiono gli animali
il pensiero è sempre uguale!
Se si fa tesoro di ciò che si apprende
lo si lascia in eredità.

È ricco pur senza possedere denari
chi ha tempo per pensare;
muore l’uomo, ma il pensiero suo
non muore… che gran mistero!

Vivrà in eterno chi ha pensato
nell’universo sconfinato;
dove riceve la visita del pensiero…
E com’è possibile? Non sembra vero!

Come faccia a nascere non si capisce
e, se per caso dovesse morire, poi rinasce;
dalla mente passa al cuore,
uno nasce… l’altro muore.

L’universo è sconfinato..
sembra sempre uguale, è mai cambiato?
Il pensiero…meraviglia…!
ora lascia… dopo riprende!

Salta da una parte all’altra,
all’infinito o di una spanna;
non c’è più grande libertà
nell’intera Umanità!