SARÀ POSSIBILE SEGUIRE IL FENOMENO ANCHE SU YOUTUBE

Questa notte la Luna si tinge di rosso

Il nostro satellite si prepara a vestirsi di rosso: nella notte tra il 15 e il 16 maggio si verificherà un’eclissi totale di Luna, la cosiddetta “Luna Rossa“. Il fenomeno sarà visibile anche dall’Italia, ma solo per la prima parte: il culmine, infatti, sarà purtroppo all’alba, quando la Luna tramonta, e non sarà quindi osservabile

     15/05/2022
Social buttons need cookies

Questa infografica della Nasa mostra il motivo per cui, durante l’eclissi, la superficie della Luna appare rossastra: è dovuto all’atmosfera terreste, che pur oscurandolo indirizza verso il nostro satellite la porzione rossa dello spettro elettromagnetico. Crediti: Nasa Goddard Space Flight Center/Scientific Visualization Studio

Appuntamento nella notte con la “superluna rossa”, ossia con l’eclissi totale che avviene quando la Luna piena si trova nel punto della sua orbita più vicino alla Terra. Il fenomeno sarà osservabile solo parzialmente dall’Italia, visto che il culmine è previsto nel momento in cui la Luna starà tramontando, ma chi è disposto a rinunciare a qualche ora di sonno riuscirà comunque a vedere parte dello spettacolo. Vale la pena, considerando che è la prima eclissi totale delle due previste nel 2022, che l’eclissi del prossimo 8 novembre sarà del tutto invisibile dall’Italia, e che l’ultima eclissi totale di Luna visibile dall’Italia risale al 21 gennaio 2019.

«Ma allora nuvole e pioggia diedero del filo da torcere ai curiosi che speravano di ammirarla», ricorda l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile scientifico del Virtual Telescope, che per questa notte ha organizzato una diretta su YouTube, a partire dalle 4:15. La Luna, prosegue Masi, sarà piena alle ore 06:14, ossia circa tre minuti prima del culmine della totalità, quando sarà alla distanza di 362.131 chilometri. Il nostro satellite si troverà prossimo alla minima distanza dalla Terra, ossia al perigeo, una condizione indicata con il termine ormai popolare di “superluna”, ma non scientifico. A giustificare il termine è il fatto che la Luna piena appare un po’ più grande della media, anche se la differenza è così piccola che è difficile rendersene conto.

L’eclissi avviene quando la Luna raggiunge il punto della sua orbita nel quale si trova perfettamente allineata con il Sole e la Terra, in modo da nascondersi dalla luce del Sole dentro l’ombra della Terra. Se l’allineamento non è perfetto, l’eclissi è parziale o di penombra. «Durante la totalità, ma anche in fase parziale avanzata, la Luna», rileva Masi, «acquista un caratteristico, elegante colore bronzeo. Esso deriva dal fatto che in quel momento l’atmosfera terrestre sta indirizzando verso la Luna la porzione rossa dello spettro elettromagnetico». È bene notare, aggiunge, che «quella che per noi terrestri è un’eclissi di Luna, dal nostro satellite apparirebbe come un’eclissi di Sole: nella fase totale, dalla Luna vedremmo un’aureola rossastra tutt’intorno alla Terra, ovvero la nostra atmosfera che dirige verso il satellite la radiazione più rossa».

Nell’attesa, l’Unione astrofili italiani (Uai) organizza un evento in collaborazione con l’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf) a partire dalle 21:00 di oggi, domenica 15 maggio, che potrete seguire sempre su YouTube: Aspettando l’eclissi di Luna. E un’altra diretta, questa volta dal deserto di Atacama (in Cile) ma tutta in italiano, è in programma dalle 4:15 sul canale YouTube di Passione Astronomia.

Qui la diretta del Virtual Telescope: