IMMORTALATO DAL TELESCOPIO DI LOIANO (BO) DELL’INAF

Ruzzolando verso la Luna: ecco il detrito di SpaceX

È con piacere che condividiamo con lettrici e lettori il messaggio inviato alla redazione questa notte dall’astronomo Alberto Buzzoni dell’Inaf di Bologna con, in allegato, una sequenza animata del passaggio dell’ultimo stadio del missile Falcon 9 di SpaceX, del quale vi avevamo dato notizia ieri, destinato a schiantarsi il 4 marzo sulla Luna

     08/02/2022
Social buttons need cookies

Aggiornamento del 13.02.2022: lo stadio in rotta di collisione verso la Luna parrebbe non essere il secondo stadio di un Falcon 9 di SpaceX, scrive Bill Gray dopo un confronto con Jon Giorgini del Jpl/Nasa, bensì uno stadio della missione lunare cinese Chang’e 5-T1.

In queste ore notturne, condivido con voi una spettacolare anteprima freschissima: un paio d’ore fa [il messaggio è arrivato in redazione poco dopo mezzanotte, ndr], i colleghi Albino Carbognani e Roberto Gualandi, in operazione al telescopio Cassini, a Loiano, hanno centrato l’obiettivo catturando l’ultimo stadio del missile Falcon 9 della SpaceX (vettore di lancio dell’osservatorio spaziale solare Dscovr) e dal 2015 in orbita caotica translunare. Al momento dell’osservazione,  il Falcon si trovava circa a mezza via con la Luna, in rotta di avvicinamento a una distanza da noi di 190mila km.

Nel quadrante in basso a sinistra, il Falcon 9 SpaceX in rotta di collisione con la Luna catturato con il telescopio Cassini di Loiano (BO) alle 19:33 dl 7 febbraio 2022. Crediti: A. Carbognani, R. Gualandi / Inaf Oas Bologna

Il “megadetrito” (14 m x 3.66 m di diametro, per un peso a secco di 3 tonnellate) passerà martedì al perigeo per  “l’ultimo inchino”, prima di rimettersi in traiettoria verso la Luna, dove questa volta impatterà il 4 di marzo prossimo.

Dalla sequenza delle osservazioni si nota chiaramente il moto di tumbling, con l’oggetto che mostra una luminosità a “flash”. Sono anche state ottenute accurate misure astrometriche, appena trasmesse al Minor Planet Center americano per il raffinamento dell’orbita e del punto di impatto lunare. Se martedì 8 febbraio il meteo continuerà a favorirci (e grazie alla distanza minima di 40mila km) si tenterà una misura delle armoniche di tumbling e della curva di luce.

È ancora una volta con orgoglio che mi preme dare credito allo sforzo di tutto il gruppo Oas di Ssa/Sst (Space Situational Awareness e Space Surveillance and Tracking) ringraziando, oltreché i colleghi Albino Carbognani e Roberto Gualandi, anche Ivan Bruni, Fausto Cortecchia, Roberto Di Luca, Emiliano Diolaiti,  Silvia Galleti, Matteo Lombini, Laura Schreiber e Giovanna Stirpe.

Guarda il servizio video su MediaInaf Tv: