ANNUNCIATI I VINCITORI DEL CONCORSO D’INFOGRAFICA DEL PROGETTO EST

L’Italia conquista il Sole e vola alle Canarie

Quasi tremila studenti provenienti da 16 paesi europei si sono battuti a suon di infografiche, ma alla fine l’hanno spuntata loro: gli Elio-eccentrici del liceo Labriola di Roma. In palio c’erano telescopi solari e per i primi classificati un viaggio all’Osservatorio del Teide, a Tenerife, dove i ragazzi potranno visitare i quattro telescopi solari attualmente attivi

     03/02/2022
Social buttons need cookies

Mentre la comunità astronomica era impegnata a festeggiare il Natale con il lancio del James Webb Space Telescope, un nutrito gruppo di fisici solari ed esperti di comunicazione stava elaborando una prima valutazione dalle 561 infografiche arrivate da 16 paesi europei per il concorso “The Sun at a glance”. Il concorso – organizzato dal progetto Est e dedicato ai ragazzi del primo biennio di scuola superiore, quindi con età comprese tra i 14 e i 16 anni – ha raccolto in tutto 561 lavori da 2859 studenti e ha registrato un notevole successo in particolare in Italia, che si è classificata terza per partecipazione con le sue 84 squadre.

L’infografica realizzata del team Elio-eccentrici, prima classificata nel concorso “The Sun at a glance”

Tra tutti quanti però l’hanno spuntata loro: parliamo della squadra degli Elio-eccentrici, composta da Matteo Muller, Daniele Pifferi, Vittoriana Pappi e Kaloian Tedeschi Kristo del liceo scientifico “A. Labriola” di Roma, e coordinata dalla professoressa Francesca Giammei. Il loro lavoro lo potete ammirare qui sopra: si intitola Brief history of solar observations (trad. Breve storia delle osservazioni solari) e racchiude in un’unica immagine tutti i principali osservatori solari, terrestri o spaziali, dedicati all’osservazione della nostra stella, con accenni anche alle tappe fondamentali della sua conoscenza e all’evoluzione delle tecniche utilizzate per studiare il Sole. Un lavoro graficamente e scientificamente così curato da mettere d’accordo l’intera giuria, composta da ricercatori, giornalisti e comunicatori scientifici provenienti da tutta Europa.

«Tutte le infografiche arrivate all’ultima selezione erano di altissimo livello», spiega Mariarita Murabito dell’Inaf di Roma, coordinatrice nazionale per l’Italia del concorso. «Noi della giuria abbiamo ricevuto i lavori dei ragazzi in maniera anonima, e devo dire che sono rimasta molto colpita da tutti i primi classificati. Ricordo di aver notato subito, oltre alla infografica della squadra italiana vincitrice, anche quella dei ragazzi irlandesi che si è classificata terza. Sono molto orgogliosa del lavoro di tutte le squadre italiane, e non mi aspettavo minimamente che proprio una squadra del nostro paese potesse arrivare prima. Visto il livello generale, però, sento di dover fare davvero i complimenti a tutti, studenti e insegnanti inclusi».

La valutazione di queste 120 infografiche è stata molto dura, ma sui primi posti dei vincitori il consenso era unanime, segno che il lavoro dei primi classificati è stato riconosciuto di altissimo valore.

«Sono rimasto estremamente colpito dall’impegno e dalla motivazione degli studenti e dei loro insegnanti», racconta Luis Bellot Rubio dell’Istituto de Astrofisica de Andalucia, responsabile delle attività di comunicazione e divulgazione del progetto Est e coordinatore del concorso. «Abbiamo ricevuto molte candidature di eccezionale qualità e la giuria ha avuto difficoltà a scegliere i vincitori. Tuttavia è stato un grande piacere esaminare il materiale e vedere come gli studenti abbiano imparato a conoscere il Sole e il progetto Est grazie a questa attività. La risposta dei docenti è stata sorprendente. Senza di loro non saremmo stati in grado di realizzare questo concorso. L’aspetto più entusiasmante è che tutto il materiale inviato al concorso non verrà perso, poiché abbiamo deciso di utilizzarlo per creare una Solarpedia Est: una risorsa educativa che sarà disponibile gratuitamente sul sito di Est per chiunque sia interessato all’astrofisica solare».

Complimenti quindi a tutti i ragazzi in gara, che hanno dato filo da torcere alla giuria, e ancor di più alla squadra italiana degli Elio-eccentrici, che si aggiudica un viaggio all’Osservatorio del Teide, a Tenerife, dove potranno visitare i telescopi con cui ogni giorno si fa ricerca sul Sole. Lì vicino, sull’isola di La Palma sarà anche costruito Est, il futuro European Solar Telescope. Partecipano alla sviluppo del progetto Est in Italia ricercatori dell’Inaf e delle Università di Roma Tor Vergata, Catania e della Calabria. A noi che invece rimarremo qui, non resta che sfogliare i lavori dei ragazzi che si sono classificati tra i finalisti del concorso e imparare un mucchio di belle e sorprendenti cose sulla nostra stella.