LE IMMAGINI MOZZAFIATO DI SEI OGGETTI CELESTI

Chandra mette in mostra i suoi tesori

In queste immagini viene messo in risalto il concetto di astronomia multi-messaggera, con la quale è possibile ottenere una conoscenza ancora più accurata dell'universo. I dati in raggi X di queste immagini sono stati raccolti dall'osservatorio Chandra della Nasa. Sono rappresentate due galassie, un ammasso di galassie, i resti di una supernova, una stella binaria e una nebulosa planetaria

     03/09/2020
Social buttons need cookies

Telescopi terrestri e osservatori orbitanti sono fondamentali per conoscere gli oggetti che popolano l’immenso Universo. Ancora più utili quando uniscono le loro “forze” permettendo agli astronomi di creare immagini complesse con dati che spaziano dalle onde radio ai raggi gamma passando per gli infrarossi, la luce visibile, gli ultravioletti e i raggi x. Le immagini raccolte in questa ultima collezione rilasciata dalla Nasa contengono dati raccolti dal Chandra X-ray Observatory e da molti altri telescopi. Si tratta della galassia Messier 82, l’ammasso di galassie Abell 2744, il resto di supernova 1987A, il sistema stellare binario Eta Carinae, la galassia Ruota di Carro e la nebulosa planetaria Elica.

 

archives_m82 archives_a2744 sn1987a_2013 archives_etacar archives_cartwheel archives_helix
<
>
La nebulosa Elica è il risultato delle ultime fasi del ciclo evolutivo di una stella di massa simile al Sole che si appresta a diventare una nana bianca. Questa immagine composita della nebulosa Elica contiene dati nell'infrarosso dal telescopio spaziale Spitzer della Nasa (verde e rosso), luce ottica da Hubble (arancione e blu), ultravioletti dal Galaxy Evolution Explorer della Nasa (ciano) e raggi X da Chandra (che appaiono bianchi) che mostrano la nana bianca che si è formata al centro della nebulosa. L'immagine ha un diametro di circa quattro anni luce. Crediti: X-ray: NASA/CXC; Ultraviolet: NASA/JPL-Caltech/SSC; Optical: NASA/STScI(M. Meixner)/ESA/NRAO(T.A. Rector); Infrared: NASA/JPL-Caltech/K. Su

Guarda il video: