IL PUNTO DI ATTERRAGGIO SI CONFERMA OTTIMO

Primo selfie per InSight

InSight ci ha regalato il suo primo selfie e una panoramica del suolo marziano dove posizionare gli strumenti scientifici. Il punto di atterraggio sembra essere perfetto: una depressione probabilmente creata da un impatto meteorico che in seguito si è riempita di sabbia, nella quale dovrebbe essere semplice, per uno degli strumenti di InSight, raggiungere il suo obiettivo a 5 metri sotto la superficie

Questo è il primo selfie di InSight della Nasa, su Marte, dove sono visibili i pannelli solari e il ponte del lander. In alto ci sono i suoi strumenti scientifici, i sensori meteo e l’antenna Uhf. Il selfie è stato scattato il 6 dicembre 2018 (Sol 10). Crediti: Nasa/JPL-Caltech.

Il lander InSight della Nasa non sembra essere timido, anzi! Utilizzando una telecamera posizionata sul suo braccio robotico, si è fatto il primo selfie: un mosaico composto da 11 immagini, nel quale sono chiaramente visibili il pannello solare del lander ed il suo ponte, dove sono alloggiati i suoi strumenti scientifici. Per farlo ha usato lo stesso processo di imaging utilizzato del suo compagno Curiosity, sempre della Nasa, che ha scattato molte immagini, le ha parzialmente sovrapposte e unite per creare il bellissimo selfie pubblicato nel 2015.

I membri del team della missione hanno inoltre ricevuto anche una bella panoramica dello “spazio di lavoro” di InSight: una mezzaluna di circa 4 x 2 metri, che ritrae il terreno che si trova davanti al lander. Anche in questo caso, l’immagine è stata ottenuta facendo un mosaico di 52 immagini individuali.

Nelle prossime settimane, scienziati e ingegneri dovranno decidere dove posizionare gli strumenti. Comanderanno al braccio robotico di InSight di impostare con cura il sismometro (Seismic Experiment for Interior Structure, or Seis) e il sensore di flusso di calore (Heat Flow and Physical Properties Package, o Hp3) nelle posizioni scelte. Poiché entrambi gli strumenti funzionano meglio su un terreno pianeggiante, gli ingegneri vogliono evitare di posizionarli su rocce più grandi di circa 1,3 cm.

Questo mosaico, composto da 52 immagini singole provenienti dal lander InSight della Nasa, mostra lo spazio di lavoro in cui la sonda spaziale alloggerà i suoi strumenti scientifici. Crediti: Nasa/JPL-Caltech.

«La quasi assenza di rocce, colline e buchi significa che il luogo scelto sarà estremamente sicuro per i nostri strumenti», riferisce Bruce Banerdt, il Pi di InSight del Jet Propulsion Laboratory della Nasa. «Potrebbe sembrare un semplice pezzo di terra se non fosse che si trova su Marte, ma noi siamo stati molto felici di vederlo».

La squadra di atterraggio di InSight ha deliberatamente scelto la regione di sbarco nella Elysium Planitia, che è relativamente priva di rocce. Il punto di atterraggio è risultato addirittura migliore di quello che speravano. Il lander si trova in quella che sembra una cavità quasi priva di rocce, una depressione creata da un impatto meteorico che in seguito si è riempita di sabbia. Ciò dovrebbe rendere più facile per uno degli strumenti di InSight, il sensore del flusso di calore, raggiungere il suo obiettivo, a 5 metri sotto la superficie del Pianeta rosso.