CoRoT

CoRoT (Convection Rotation and Planetary Transits) è dedicato allo studio degli interni stellari tramite l’asterosismologia e alla scoperta di nuovi sistemi planetari col metodo dei transiti. E’ stato lanciato il 27 dicembre 2006 da Baikonur. CoRoT osserverà per 150 giorni consecutivi almeno 5 campi prestabiliti. Molti target nel campo asterosismologico (10 per ogni run) e parte di quello exoplanetario (dai 12000 ai 15000 per run) sono stati scelti grazie al lavoro preparatorio coordinato da gruppi italiani. Gli istituti coinvolti sono principalmente Milano (responsabile delle osservazioni da terra in campo asterosismologico), Catania, Napoli e Roma, seguiti da Palermo, Bologna e Firenze. Numerosi ricercatori italiani sono PI e CoI di diversi Additional Programs (studio di particolari classi di variabili attive, binarie, pulsanti, …).

Link suggeriti:
COROT sul sito dell’Osservatorio di Marsiglia
COROT sul sito del CNES

Articoli relativi a CoRoT:

  1. Come ti studio la variabilità stellare [03/12/2015]
  2. Un intrigante pianeta Venere style [11/11/2015]
  3. Stelle vecchie in corpo giovane [10/04/2015]
  4. Il tesoro di CoRoT: una cefeide unica [30/10/2014]
  5. Un’ecografia per studiare le baby stelle [03/07/2014]
  6. Asterosismologia per esopianeti [30/07/2013]
  7. Archeologia galattica [08/02/2013]
  8. Vicinanza fatale [14/09/2011]
  9. 34 occhi per un nuovo sistema solare [11/02/2011]
  10. Pegasi 51 b, l’intuizione di Giordano Bruno [12/11/2010]
  11. Sette pianeti per un Sole [24/08/2010]
  12. Le inquietudini d’un Sole adolescente [23/12/2008]