LO SPETTACOLO DI NEW HORIZONS

Plutone in technicolor

Una nuova finestra su Plutone grazie alle immagini della sonda della NASA ai confini del Sistema Solare: vediamo crateri, montagne e la superficie ghiacciata del pianeta nano. Il tutto a colori, il che è una novità perché finora le immagini elaborate dai tecnici sono sempre state in bianco e nero

Crediti: NASA/JHUAPL/SwRI 

Crediti: NASA/JHUAPL/SwRI

Wow! Questo viene da dire guardando questa immagine a colori di Plutone. La sonda della NASA New Horizons ci stupisce ogni giorno di più con le immagini che ha catturato durante quei pochi minuti di flyby lo scorso 14 luglio attorno al pianeta nano. La foto che vedete riprende una striscia di circa 80 chilometri di formazioni calanchive chiamate dagli esperti “badlands” a nord dello Sputnik Planum, un piano ghiacciato del diametro di circa 20 chilometri e con un’età di soli 100 milioni di anni, e delle montagne Al-Idrisi. Non solo, si tratta di un’immagine di Plutone a colori e già questo basta per renderla unica (finora le altre immagini pubblicate dalla NASA sono state in bianco e nero).

Lo strumento Long Range Reconnaissance Imager (LORRI) ha scattato le prime immagini circa 15 minuti prima dell’avvicinamento a Plutone (da 17 mila chilometri). I dati sono stati poi combinati con le immagini a colore (nel vicino infrarosso, rosso e blu) raccolte dal Ralph/Multispectral Visible Imaging Camera (MVIC) 25 minuti prima che LORRI iniziasse a scattare. Si tratta, infatti, di un’immagine composta da più scatti presi con una risoluzione di 77-85 metri per pixel e che rivelano dettagli molto piccoli sulla superficie di Plutone: fratture e rocce viste così da vicino che ci sembra quasi di sorvolare il pianeta con un drone. Per migliorare l’immagine sono stati aggiunti altri dettagli a colore e a bassa risoluzione (630 metri per pixel).

Per saperne di più:

Vai al sito della missione New Horizons