DI CLASSE X2, IL TERZO IN 48 ORE

Brillamento in basso a destra

Tre brillamenti di classe X in circa 48 ore. Sono quelli che ha registrato la sonda della NASA Solar Dynamic Laboratory (SDO), l'ultimo è visibile nella zona in basso dell'immagine che vi proponiamo. Secondo la NASA quest'ultimo briullamento è stato emesso in quella che viene definita la più grande regione di attività solare negli ultimi 24 anni

SDOTre brillamenti di classe X in circa 48 ore. Sono quelli che ha registrato la sonda della NASA Solar Dynamic Laboratory (SDO), l’ultimo è visibile nella zona in basso dell’immagine che vi proponiamo. Secondo la NASA quest’ultimo briullamento è stato emesso in quella che viene definita la più grande regione di attività solare negli ultimi 24 anni.

Il brillamento è di classe X2, dove la X intende i brillamenti più intensi della loro scala di attribuzione, mentre il numero intende due volte più intenso di un X1, mentre un X3 sarebbe tre volte più intenso. Questi brillamenti sono tenuti sotto osservazione non solo per ragioni scientifiche, ma anche per i possibili effetti che potrebbero avere sulle telecomunicazioni satellitari qualora venissero emessi nella direzione del nostro pianeta.

A svolgere tale funzione è lo Space Weather Prediction Center del National Oceanic and  Atmosheric Administration che fonisce dati in continuazione sull’attività solare e sulle regioni del nostro pianeta sul quale potrebbe creare radioblackout.

Ma anche bellissime aurore dovute all’impatto delle particelle con il campo magnetico terrestre, quello scudo che, insieme all’atmosfera, ci protegge dagli effetti dell’attività solare, delle radiazioni che emette e che giustifica un effetto serra sufficiente a tenere la temperature in un range accettabile per la vita, permettendo all’acqua di mantenere lo stato liquido.