ANCHE QUEST'ANNO EVENTI IN TUTTA ITALIA

Tutti gli Occhi su Saturno, per la seconda volta

Al via l'edizione 2013 della manifestazione di osservazione diffusa del Signore degli Anelli, che si terrà il 18 maggio in tutta Italia.

18.05.2013

Immagine di Saturno realizzata nel 2012 da un telescopio amatoriale, pubblicata online nella raccolta di immagini della sezione Pianeti della UAI. Copyight Maurizio e Francesca Cecchini/UAI

Una bella immagine di Saturno realizzata nel 2012 da un telescopio amatoriale, pubblicata online nella raccolta di immagini della sezione Pianeti della UAI. Copyright Maurizio e Francesca Cecchini/UAI

Un’esperienza di osservazione astronomica condivisa. Ma soprattutto una celebrazione gioiosa e variegata del pianeta Saturno, il Signore degli
 Anelli, in tutto il suo splendore. Occhi Su Saturno è una
 manifestazione diffusa in tutta la penisola: in calendario per sabato 18 maggio, coinvolgerà astrofili, osservatori, planetari e istituti di ricerca.

L’esperienza di Occhi Su Saturno nasce nel 2012, con una prima
 edizione (raccontata da Media INAF in questo articolo) che verrà ricordata per una grande partecipazione: con i suoi 49 eventi in 14 regioni, ha superato ogni aspettativa. Racconta Nicolò Conte, segretario dell’Associazione Stellaria e ideatore dell’iniziativa: «L’idea di “Occhi Su Saturno” è nata dalla voglia di celebrare nel 2012 un anniversario
 importante: i 300 anni dalla scomparsa del grande astronomo Gian
 Domenico Cassini, nato a Perinaldo, proprio nel Comune dove sorge il 
nostro Osservatorio. Per promuovere questa ricorrenza, abbiamo voluto 
organizzare una manifestazione che avesse al centro Saturno, uno dei 
pianeti più osservati e studiati dall’astronomo. Seguendo l’esempio di
 esperienze di grande successo come la “Notte della Luna” o il “Global 
Astronomy Month”, si è voluto rendere l’iniziativa “diffusa”, cercando
 quindi la collaborazione di altri osservatori astronomici, planetari,
 associazioni e singoli astrofili in tutta la penisola. Questo anche
 grazie alla bellezza del pianeta osservato, che permette di scattare e 
diffondere immagini bellissime, oltre che utili (ndr: come l’immagine da telescopio a Terra, ripresa dalla sezione Pianeti della UAI, che
 accompagna questo articolo)».

Il successo dell’evento è inoltre merito delle nuove tecnologie e dei 
social media, che hanno il duplice ruolo di collegare in rete le
 migliaia di occhi artificiali e non puntati su Saturno, e diffondere la passione e l’entusiasmo. A partire dal nome stesso della 
manifestazione, Occhi Su Saturno, scelto per acclamazione 
collettiva nel 2012 sulla pagina Facebook del progetto.

Per il 2013, fervono i preparativi e l’adesione è sorprendente: si
 contano a un mese dall’evento circa 70 iniziative locali in 15 
diverse regioni (una in Svizzera), rendendo questa manifestazione
 astronomica una delle più estese mai realizzate nel nostro Paese.
 Altro aspetto degno di nota è la stretta ed efficace collaborazione tra 
professionisti e appassionati, tra il mondo della scienza per professione (tra cui INAF e ASI) e le associazioni composte dalle tante persone 
che frequentano l’astronomia in modo più o meno amatoriale, ma 
sempre entusiasta e partecipato.

INAF, in particolare, collabora dalla prima edizione all’organizzazione 
dell’evento su scala nazionale grazie all’INAF-IAPS Roma, che supporta 
l’Associazione Stellaria, autore principale dell’iniziativa. Ma partecipa anche capillarmente all’organizzazione di diversi eventi locali:

  • a Bologna, l’INAF-Osservatorio Astronomico di Bologna apre le porte
 della sua sede per una serie di conferenze scientifiche e osservazioni
 con i telescopi allestiti per l’occasione (vai alla pagina);
  • Palermo, l’INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo, insieme
 all’associazione PALERMOSCIENZA e al Piano Lauree Scientifiche Fisica, 
organizza una serata di osservazioni ai telescopi, con conferenze, 
laboratori per bambini e la visita a una mostra permanente di exhibit
 scientifici (vai alla pagina);
  • a Cagliari, l’INAF-Osservatorio Astronomico di Cagliari, in
 collaborazione con la Biblioteca Provinciale e l’Associazione
Astrofili Sardi, organizza presso il Parco di Monte Claro una
 conferenza pubblica seguita da una serata osservativa (vai alla pagina);
  • a Roma verranno organizzate una serie di attività
 con la partecipazione dell’INAF-IAPS Roma:

occhisusaturnoLe informazioni su queste e le altre attività in fase di definizione verranno aggiornate nei 
prossimi giorni sul sito ufficiale, dal quale è possibile rintracciare l’evento più
 vicino alla propria città e trovare immagini, filmati e altri contenuti 
utili per prepararsi a questa manifestazione, che coinvolgerà una
 comunità allargata di amanti dell’astronomia e del cielo.
 Come sottolinea Conte, «non c’è provincia italiana che non abbia una
 sua associazione di appassionati del cielo. Iniziative “diffuse” come 
la nostra coordinano in modo professionale e utilizzano al meglio un
 patrimonio già esistente e davvero importante di persone e mezzi che
 possono supportare in maniera efficace i professionisti nella
 divulgazione dell’astronomia e della scienza, rendendo un grande
 contributo a tutta la collettività».

Occhi Su Saturno è un’iniziativa dell’Associazione Stellaria di Perinaldo (IM), con cui collabora l’INAF-IAPS di Roma, con il patrocinio della SAIt, della UAI, dell’EAN, dell’INAF e dell’ASI.

Per rimanere aggiornati sull’evento: