IL LIBRO DI CASSISI E SALARIS

Care, vecchie stelle

Old Stellar Populations: how to study the fossil record of galaxy formation è il titolo del libro realizzato da due astrofisici italiani, nati alla scuola astronomica teramo-romana. Il volume, edito da Wiley-VCH, L'opera, che si rivolge a studenti studenti universitari e a ricercatori, anche non specialisti nel campo, è recensita per l'occasione da Roberto Buonanno, Presidente della Società Astronomica Italiana e Direttore dell'INAF - Osservatorio Astronomico di Teramo

cover_CassisiQuesto libro presenta lo stato aggiornato degli studi di evoluzione stellare con particolare riguardo alle stelle di piccola massa.

L’opera, che si rivolge a studenti universitari e a ricercatori, anche non specialisti nel campo,  costituisce l’ideale continuazione del precedente volume  “Evolution of Stars and Stellar Populations“, che è già stato adottato come libro di testo in molti corsi di Evoluzione stellare e Popolazioni stellari in Europa e in America. Da un punto di vista tecnico il libro fornisce una descrizione accurata  dei vari processi fisici che operano all’interno delle stelle di piccola massa, con particolare attenzione alla discussione degli effetti sulle proprietà osservabili di queste stelle.

Si tratta di un’opera particolarmente tempestiva in quanto permette di addentrarsi nello studio di alcune delle più recenti scoperte che hanno rivoluzionato il quadro storico della evoluzione stellare.

In effetti, lo studio dei processi di formazione ed evoluzione delle popolazioni stellari antiche, popolate da stelle di piccola massa, rappresenta da sempre uno degli argomenti di punta della ricerca astrofisica perché queste stelle sono la chiave per comprendere i meccanismi della formazione e della evoluzione della galassie nell’Universo. Negli ultimi dieci anni, tuttavia, grazie alla disponibilità di una nuova classe di telescopi, sia da terra che dallo spazio, e alla innovativa strumentazione di piano focale, come gli spettroscopi multi-fibra, è stato rivoluzionato il quadro evolutivo che sembrava stabilizzato.

Un caso particolarmente illuminante è rappresentato dalla scoperta di popolazioni stellari multiple negli ammassi globulari galattici. Una scoperta che ha completamente stravolto la comune nozione che identificava gli Ammassi Globulari con le “Popolazioni Stellari Semplici“. Questo risultato ha evidenti conseguenze sull’uso dei modelli di sintesi di popolazione per lo studio delle popolazioni stellari non risolte delle galassie lontane.

Nello stesso tempo, la possibilità di osservare -con un’accuratezza impensabile fino a pochi anni fa- le proprietà delle stelle di piccola massa in ammassi stellari e nel campo della Galassia, ha mostrato chiare evidenze di processi fisici, come la levitazione, la rotazione, la presenza di campi magnetici, solitamente ignorati sia nel calcolo dei modelli evolutivi stellari sia nell’interpretazione delle evidenze osservative raccolte.

Questo libro va a riempire la gap fra i libri di evoluzione stellare classica e i nuovi risultati qui indicati ed è quindi una lettura fondamentale sia per un pubblico specialista che ha l’opportunità di ricavarne una visione organica della ricerca recente che per la comunità interessata a conoscere in maniera non-superficiale gli sviluppi in questo campo.

Gli autori sono due dei ricercatori più conosciuti nel campo dell’Astrofisica Stellare. Santi Cassisi è Primo Ricercatore dell’INAF – Osservatorio Astronomico di Teramo, mentre Maurizio Salaris è Professor  of Stellar Astrophysics alla Liverpool John Moores University e ambedue provengono dalla scuola Teramo-Romana di evoluzione stellare.