DA DOVE PRENDONO VELOCITA'?

Il segreto dei raggi cosmici

Il telescopio spaziale Fermi, grazie al suo Large Area Telescope, e la supernova Tycho indicano la strada per scoprire come i raggi cosmici riescano a diventare veloci quasi come la luce.

Il segreto dei raggi cosmici forse svelato da una supernova che ha fatto storia. La supernova è quella famosa apparsa nel 1572: soprannominata Tycho, dal nome dell’astronomo danese che le avrebbe dedicato uno studio molto attento, è ritenuta la più luminosa apparsa in cielo negli ultimi quattro secoli. Ora il telescopio spaziale Fermi, missione NASA a cui partecipano l’Agenzia Spaziale Italiana, l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e l’Istituto Nazionale di Astrofisica, ha scoperto che quella supernova può essere un valido aiuto per gli astrofisici che studiano i raggi cosmici e i loro segreti.

I raggi cosmici sono particelle cariche, per lo più protoni, che viaggiano a velocità prossime a quelle della luce. Individuare la loro origine e soprattutto ricostruire i meccanismi che riescono ad accelerarle a velocità così elevate non è però semplice perché le loro traiettorie sono facilmente deviate nel passare attraverso i campi magnetici interstellari. Risalire al loro punto di provenienza e a tutto ciò che hanno attraversato prima di arrivare sino a noi è quindi una vera impresa.

Esistono però metodi indiretti che in parte permettono di aggirare l’ostacolo. Ad esempio quando i raggi cosmici colpiscono il gas interstellare producono emissioni di energia gamma che ne tradiscono la presenza. Emissioni captate dal telescopio spaziale Fermi grazie al suo Large Area Telescope (LAT). Dopo anni di osservazioni, i dati raccolti da Fermi hanno dimostrato che una di queste regioni gassose di intensa emissione gamma coincide proprio con la supernova Tycho, segno che esiste un legame tra raggi cosmici e supernovae. Guadagna così attendibilità l’ipotesi secondo la quale il campo magnetico tipico di una supernova intrappolerebbe le particelle cariche, facendole rimbalzare dentro al campo stesso in una sorta di ping pong che aumenta progressivamente la loro velocità, sino a quando non riescono a sfuggire a quella trappola magnetica.

Forse è ancora presto per dire di aver risolto il caso, ma Fermi e Tycho sembrano aver indicato la via da seguire per svelare definitivamente il segreto dell’origine della velocità dei raggi cosmici.