CON INTERVISTA AUDIO ALL'AUTORE

Via col vento delle supernovae

Perché le galassie hanno al proprio centro meno materia di quanto previsto dai modelli teorici? Un dubbio sul quale gli astronomi si sono arrovellati per 15 anni. E che ora potrebbe aver trovato una risposta. Grazie a una super-simulazione coordinata da Fabio Governato, docente alla University of Washington. Il lavoro è stato pubblicato oggi su Nature.

Come si formano le galassie nane? E perché hanno al proprio centro meno materia di quanto previsto dai modelli teorici? Un dubbio sul quale gli astronomi si sono arrovellati per 15 anni. E che ora potrebbe aver trovato una risposta in un articolo pubblicato oggi su Nature, secondo il quale è il vento generato dall’esplosione delle supernovae a spazzare via dal centro delle galassie il gas. Lasciando così la materia oscura, non più trattenuta dalla forza di gravità, libera di disperdersi.

I risultati sono stati ottenuti grazie a una super-simulazione al computer, milioni di ore di CPU, coordinata da Fabio Governato. Governato insegna dal 2002 alla University of Washington, ma in passato è stato ricercatore presso l’INAF-Osservatorio Astronomico di Brera, dove approdò dopo una laurea in fisica all’università di Milano e un PhD in astronomia a Roma. Lo abbiamo raggiunto telefonicamente in quel di Seattle e lo abbiamo intervistato:

[flv:http://www.media.inaf.it/video/flv/fabio-governato-hires.flv 640 480]

L’abstract dell’articolo è disponibile in rete sul sito web di Nature:
www.nature.com/nature/journal/v463/n7278/edsumm/e100114-05.html