ALLE ORE 20.17 ITALIANE PER UNA FINESTRA DI LANCIO DI DUE ORE

Artemis I, ci si riprova sabato 3 settembre

È in calendario per sabato prossimo tentativo di lancio di Artemis I, fa sapere la Nasa. I problemi riscontrati lo scorso 29 agosto sembrano essere stati compresi e risolti. Il tempo è previsto instabile, ma con possibilità di intervalli favorevoli. Giovedì la conferma

     31/08/2022
Social buttons need cookies

Crediti: Nasa/Ben Smegelsky

La Nasa ha fissato la data per il prossimo tentativo di lancio di Artemis I dal Kennedy Space Flight Center: sarà sabato 3 settembre, dalle 20:17 ora italiana. La finestra di lancio è di due ore, come nel caso del primo tentativo non andato a buon fine a causa di un problema a uno dei quattro motori del lanciatore Sls.

I responsabili della missione si sono riuniti martedì per discutere i dati e sviluppare un piano per affrontare i problemi emersi durante il tentativo di lancio del 29 agosto. I problemi riscontrati lo scorso lunedì, nello specifico, sono stati due: il primo è che durante il lancio gli ingegneri non sono stati in grado di raffreddare i quattro motori RS-25 a -250 °C. Il secondo, invece, è stata una perdita di idrogeno riscontrata durante la fase di carico del propellente. Quest’ultimo problema era stato parzialmente risolto, o comunque aggirato, consentendo di proseguire con le operazioni dopo un iniziale ritardo. Il problema di raffreddamento dei motori del corpo centrale, invece, ha decretato l’insuccesso del tentativo. Nella conferenza stampa tenuta dalla Nasa in seguito all’interruzione del lancio, è stato spiegato che nessuno dei quattro motori aveva raggiunto la temperatura di raffreddamento ideale (attorno ai meno 250 gradi centigradi), ma il terzo in particolare era rimasto oltre venti gradi più caldo del previsto.

Nei prossimi giorni, i team modificheranno e proveranno le procedure di carico del propellente per seguire una procedura simile a quella eseguita con successo durante la Green Run allo Stennis Space Center della Nasa nel Mississippi. Il raffreddamento dei motori, comunque, comincerà circa 30-40 minuti prima di quanto inizialmente stabilito, in modo da avere il tempo di verificare seguendo diverse procedure che tutto proceda correttamente.

I meteorologi prevedono condizioni meteorologiche non ottimali, ma nemmeno proibitive, per sabato. Sono attesi rovesci di pioggia, ma si prevede che saranno sporadici durante la finestra di lancio. Il team di gestione della missione si riunirà nuovamente giovedì per esaminare i dati e la preparazione generale.