IMMORTALATO DA SOLAR ORBITER, PARKER SOLAR PROBE E STEREO

Tre viste uniche del Sistema solare

Nel 2020, le tre sonde spaziali dedicate all'osservazione del Sole – Solar Orbiter di Esa e Nasa, Parker Solar Probe della Nasa e Stereo della Nasa – hanno catturato scorci unici dei pianeti del Sistema solare, regalandoci splendide immagini da diversi punti di vista, sfruttando il fatto che alcuni strumenti a bordo hanno visto diversi pianeti passare contemporaneamente attraverso i loro campi di vista

     27/01/2021
Social buttons need cookies

Questa vista simulata mostra la prospettiva di Solar Orbiter il 18 novembre 2020, illustrando perché l’immagine di Solar Orbiter mostra – da sinistra a destra – Venere, la Terra e Marte, con Mercurio e il Sole fuori dalla telecamera, a destra. Crediti: Esa

Sebbene per la gran parte del loro tempo si concentrino sulla stella al centro del Sistema solare, negli ultimi mesi tre sonde spaziali dedicate all’osservazione del Sole hanno catturato scorci unici dei pianeti. Utilizzando strumenti il cui scopo non è quello di osservare il Sole stesso, bensì il costante deflusso di materiale solare emesso dalla nostra stella, Solar Orbiter di Esa e Nasa, Parker Solar Probe della Nasa e Stereo (Solar and Terrestrial Relations Observatory) della Nasa ci hanno regalato splendide immagini dei pianeti, da diversi punti di vista.

Tutte e tre le missioni trasportano strumenti per studiare il Sole e la sua influenza sullo spazio, comprese telecamere che studiano l’atmosfera esterna del Sole, il vento solare e la polvere presente nel Sistema solare interno. Questi strumenti, in vari momenti nel 2020, hanno visto diversi pianeti passare attraverso i loro campi di vista.

Ciascuna delle tre missioni ha un’orbita diversa, quindi le loro prospettive sono diverse dalla nostra, sulla Terra, e sono anche diverse le une dalle altre. Diversa quindi sarà la vista dei pianeti da ciascuna sonda, che mostra i corpi celesti in posizioni diverse da quelle in cui li avremmo visti noi, dalla Terra.

Solar Orbiter – di Esa e Nasa – ha scattato queste immagini di Venere, Terra e Marte il 18 novembre 2020. Crediti: Esa / Nasa / Nrl / Solar Orbiter / SolOHI

Guardando verso la Terra da circa 251 milioni di chilometri di distanza, il Solar Orbiter Heliospheric Imager – o SoloHI – a bordo di Solar Orbiter il 18 novembre 2020 ha catturato in un colpo solo Venere, la Terra e Marte. Il Sole si trovava a destra, fuori dall’inquadratura dell’immagine.

Lanciato a febbraio 2020, Solar Orbiter ha restituito le sue prime immagini a luglio 2020, compresa la vista del Sole più vicina in assoluto. L’obiettivo principale di SoloHI – uno dei dieci strumenti a bordo del satellite, nonché unico imager eliosferico – è quello di catturare il vento solare e la polvere che riempie lo spazio tra i pianeti.

 

Parker Solar Probe della Nasa ha visto quasi tutti i pianeti del Sistema solare in un paio di immagini acquisite il 7 giugno 2020. Crediti: Nasa / Johns Hopkins APL / Naval Research Laboratory / Guillermo Stenborg e Brendan Gallagher

Il 7 giugno 2020, mentre Parker Solar Probe ruotava attorno al Sole, il suo strumento Wide-field Imager for Solar Probe – o Wispr – ha scattato due fotogrammi che hanno catturato sei pianeti del Sistema solare: Mercurio, Venere, Terra, Marte, Giove e Saturno. Wispr cattura immagini della corona solare e dell’eliosfera interna nella luce visibile, insieme al vento solare e ad altri corpi mentre si avvicinano e oltrepassano il satellite. Quando Wispr ha raccolto le immagini che vedete, la sonda si trovava a circa 18.7 milioni di chilometri dal Sole e a circa 158 milioni di chilometri dalla Terra.

 

Stereo della Nasa ha immortalato la maggior parte dei pianeti del Sistema solare in un’immagine ripresa il 7 giugno 2020. Crediti: Nasa / Stereo / Hi

Sempre il 7 giugno 2020 l’osservatorio Stereo ha catturato questa vista dove sono presenti la maggior parte dei pianeti del Sistema solare. Sebbene questa immagine sia stata scattata lo stesso giorno di quella del Parker Solar Probe, la posizione di Stereo ha fornito una diversa prospettiva sui pianeti. Questa immagine proviene da uno degli Heliospheric Imagers di Stereo, che visualizza l’atmosfera esterna del Sole, la corona e il vento solare, consentendo agli scienziati di studiare come il materiale solare viaggia nel Sistema solare. Le righe scure verticali sono dovute alla saturazione del rivelatore dello strumento, causata dalla luminosità dei pianeti combinata con il lungo tempo di esposizione.

Il grafico a sinistra illustra la posizione e la vista di Parker Solar Probe il 7 giugno 2020. L’inserto mostra il satellite e il suo orientamento, nonché la posizione dello strumento Wispr e i campi di vista dei suoi due telescopi, quello interno e quello esterno. La regione leggermente più luminosa tra i due campi visivi è rappresentata dalle viste sovrapposte dei telescopi. Gli anelli verdi che si sovrappongono ai pianeti interni segnano il percorso di Parker Solar Probe attorno al Sole. Il grafico a destra mostra la posizione di Stereo il 7 giugno 2020, quando è riuscito a riprendere gran parte dei pianeti del Sistema solare in un’unica immagine. Crediti: Nasa / Johns Hopkins Apl / Yanping Guo; Nasa / Stereo / HI

Guarda il servizio video di MediaInaf Tv: