I RISULTATI SARANNO PRESENTATI DOMANI A EPSC 2020

Venere, da cima a fondo

Al congresso europeo Epsc2020 stanno per essere presentati i risultati delle osservazioni di Venere del Parker Solar Probe della Nasa, della missione Akatsuki della Jaxa e di astronomi di tutto il mondo che hanno utilizzato telescopi terrestri. La campagna ha prodotto osservazioni multiple, dalla superficie del pianeta alla sommità delle sue nubi, che hanno fornito intuizioni uniche sulla sua atmosfera

     22/09/2020
Social buttons need cookies

Osservazioni di Venere da parte della solda giapponese Akatsuki, al momento del sorvolo del Parker Solar Probe. Queste osservazioni hanno campionato l’atmosfera superiore a circa 70 km di altitudine sopra la superficie. Crediti: Jaxa, Planet-C

In questi giorni si sta svolgendo online l’Europlanet Science Congress (Epsc) 2020, il più grande congresso europeo dedicato alla planetologia e alle scienze correlate, che quest’anno a causa della pandemia è in forma virtuale. In particolare, domani – mercoledì 23 settembre – verranno presentati i risultati delle osservazioni di Venere da parte di Parker Solar Probe della Nasa, della missione Akatsuki della Jaxa e di astronomi di tutto il mondo che hanno utilizzato telescopi professionali e amatoriali.

L’11 luglio 2020, Parker Solar Probe – che sta viaggiando verso il Sistema solare interno per catturare particelle dell’atmosfera esterna del Sole – ha completato il terzo di una serie di passaggi ravvicinati di Venere. Dal 19 giugno al 18 luglio, gli astronomi e i membri del team scientifico di Akatsuki hanno unito le forze per affiancare l’incontro della sonda con una campagna coordinata di osservazioni. Per quanto riguarda le osservazioni da Terra, sono state effettuate per la maggior parte da astronomi amatoriali.

Una campagna molto simile sarà condotta per supportare il flyby di Venere da parte della missione BepiColombo dell’Esa, il 15 ottobre 2020.

Selezione di osservazioni amatoriali di Venere prima, durante e dopo il sorvolo del Parker Solar Probe. Queste osservazioni hanno campionato l’atmosfera di Venere dalla superficie alle nubi superiori. Queste e molte altre immagini amatoriali sono disponibili nel database Pvol. Crediti: Emmanuel Kardasis / Sebastian Voltmer / Phil Miles / Joaquin Camarena / Luigi Morrone

«La campagna ha prodotto osservazioni multiple e a più livelli, dalla superficie alla sommità delle nubi e fenomeni airglow, che ci hanno fornito intuizioni uniche sull’atmosfera di Venere», ha affermato Ricardo Hueso, ex membro della missione Venus Express dell’Esa e coordinatore della partecipazione amatoriale. «L’opportunità di osservare Venere con così tanti strumenti e con una collaborazione così ampia, significa che possiamo aumentare il valore scientifico di queste brevi visite a Venere del Parker Solar Probe e di BepiColombo».

Venere è l’oggetto più luminoso nel cielo notturno, a parte la Luna. Sebbene sia il pianeta più simile per dimensioni alla Terra, è un mondo radicalmente diverso. La sua densa atmosfera, composta principalmente da gas serraanidride carbonica – mantiene la superficie a temperature di 460 gradi Celsius e pressioni paragonabili a quelle che si trovano nelle profondità degli oceani terrestri.

L’atmosfera superiore ospita più strati di nubi, costituiti da acido solforico con tracce d’acqua, che si muovono a velocità simili a quelle di un uragano. Nonostante questo ambiente ostile, la recente scoperta di molecole di fosfina nell’atmosfera di Venere ha riattivato la speculazione sulla possibile presenza di vita microbica aerea nelle nubi superiori del pianeta. I veicoli spaziali che passano vicino a Venere, mentre viaggiano attraverso il Sistema solare interno, possono raccogliere dati preziosi per aiutarci a comprendere le proprietà del pianeta e la sua evoluzione.

Durante la sua campagna, Parker Solar Probe ha osservato il lato notturno del pianeta, dalla superficie alla parte superiore dell’atmosfera, e Akatsuki ha raccolto i dati delle nubi superiori. Sulla Terra, i ricercatori hanno utilizzato l’Infrared Telescope Facility (Irtf) alle Hawaii e il Nordic Optical Telescope (Not) a La Palma, per sondare le nubi più profonde di Venere sul lato notturno del pianeta. Ulteriori osservazioni delle nubi più profonde e della superficie di Venere sono state ottenute al Pic du Midi in Francia. Gli astronomi amatoriali hanno osservato le nubi superiori e centrali nelle lunghezze d’onda ultraviolette, viola e del vicino infrarosso. Alcuni osservatori amatoriali sono anche riusciti a osservare la superficie di Venere attraverso la radiazione calda che fuoriesce dal pianeta attraverso le nubi di Venere. Il supporto globale a terra da telescopi professionali è stato guidato da Javier Peralta, un astronomo che ha coordinato campagne simili a sostegno delle passate missioni. Mentre la campagna a Terra di supporto amatoriale è stata coordinata attraverso l’infrastruttura di ricerca Europlanet 2024.

Le osservazioni di Venere abbassano le nubi nella parte notturna del pianeta. Immagini da Not acquisite da J. Peralta (Jaxa) e R. Baena (Iac). Immagini dall’Irtf acquisite da E. Young (SwRI). Queste osservazioni hanno campionato l’atmosfera centrale a circa 45-50 km di altitudine sopra la superficie. Credito: Not / Nasa, Irtf

«È stata un’opportunità davvero entusiasmante che ha riunito le forze dei ricercatori che utilizzano l’Irtf e Not con quelle di astronomi amatoriali, per osservare Venere contemporaneamente al Parker e Akatsuki», racconta Peralta. «Queste osservazioni ci hanno anche dato la possibilità di monitorare l’evoluzione di una spaccatura longitudinale gigante e in rapido movimento nelle nubi più profonde di Venere, che è stata precedentemente osservata tra gennaio e aprile 2020 da astronomi dilettanti».

Le osservazioni sono continuate e si sono intensificate per tutto agosto, quando Venere è stata osservata al meglio dalla Terra, e culmineranno in ottobre, quando la missione BepiColombo sorvolerà Venere nel suo viaggio verso Mercurio.

«Se confrontiamo le osservazioni della missione Venus Express nel 2006-2014 con le osservazioni più recenti di Akatsuki dal 2015, ci sono chiari segni tra le nubi di Venere di cambiamenti nel tempo. I dati ottenuti da osservatori amatoriali e professionisti in queste campagne, associati ai flyby di quest’estate e in autunno, amplieranno la nostra conoscenza del clima di Venere e della sua variabilità», conclude Peralta.

Queste le presentazioni che si terranno mercoledì 23 settembre: