SFRUTTAMENTO MINERARIO DI ASTEROIDI E CORPI CELESTI

Trump si prende la Luna

Il presidente degli Stati Uniti firma un ordine esecutivo che incoraggia i soggetti privati a investire nel programma di esplorazione spaziale che punta a Marte passando dalla Luna. Trump garantisce lo sfruttamento minerario e naturale dello spazio agli americani: «gli Stati Uniti non lo considerano un bene comune globale»

     14/04/2020
Social buttons need cookies

Il presidente degli Stati Uniti d’America Donald J. Trump. Crediti: Shealah Craighead/White House on Flickr

In piena crisi da coronavirus, Donald Trump firma una delibera a tutela dei soggetti privati che vogliano investire nello sfruttamento naturale e minerario di Luna, asteroidi e altri corpi del Sistema solare: Executive Order on Encouraging International Support for the Recovery and Use of Space Resources

Con l’ordine esecutivo emanato dalla Casa Bianca il 6 aprile 2020, di fatto il presidente Usa fa il punto sul più ampio programma di esplorazione spaziale che punta a Marte passando dalla Luna − Artemis − e che riporterà gli astronauti sul nostro satellite entro il 2024 per stabilire una presenza umana sostenibile al suolo e nell’orbita lunare (2028). Un programma che prevede la partecipazione di partner commerciali che possano recuperare e utilizzare le risorse dello spazio: acqua, regolite e altri minerali.

«La mancanza di certezze riguardo ai diritti di sfruttamento delle risorse spaziali da parte di soggetti privati, e in particolare il diritto di recupero e utilizzo a scopi commerciali delle risorse naturali della Luna, ha scoraggiato alcune imprese a partecipare al programma spaziale», scrive il presidente Usa nell’ordine esecutivo.

Trump fa un esplicito riferimento al quadro giuridico che stabilisce le norme di utilizzo e sfruttamento della spazio extra-atmosferico, in lingua inglese Outer Space Treaty: il trattato internazionale sui principi che governano le attività degli Stati in materia di esplorazione e utilizzazione dello spazio extra-atmosferico compresa la Luna e gli altri corpi celesti, in vigore dall’ottobre 1967 e firmato da 108 paesi, che consente l’utilizzo della Luna e degli altri corpi celesti esclusivamente a scopo pacifico, e proibisce espressamente di condurre manovre militari di qualsiasi natura. Lo spazio − sembra suggerire il documento − è da considerarsi patrimonio comune dell’umanità e può essere “usato” da ogni membro del gruppo. Nessuno se ne può appropriare.

Questa lasca disciplina giuridica vecchia di mezzo secolo ha un ulteriore capitolo: il Moon Treaty. L’accordo che regola le attività degli Stati sulla Luna, firmato nel 1979, stabilisce un regime per lo sfruttamento delle risorse lunari e di altri corpi celesti, simile a quello stabilito per i fondali marini decretato dalle convenzioni Onu.

«Gli Stati Uniti non hanno firmato né ratificato l’accordo sulla Luna. A essere precisi, solo 18 paesi hanno ratificato il documento, tra cui appena 17 dei 95 stati membri del comitato delle Nazioni Unite per l’uso pacifico dello spazio extra-atmosferico», precisa Trump. «Gli Stati Uniti ritengono che l’accordo sulla Luna non sia uno strumento efficace, o necessario, a guidare gli stati in merito alla promozione della partecipazione commerciale all’esplorazione spaziale, alla scoperta scientifica e allo sfruttamento della Luna, di Marte o degli altri corpi celesti».

Nel 2015 il Congresso aveva già approvato una legge che permetteva agli Stati Uniti di sfruttare le risorse lunari e degli asteroidi a fini commerciali, a mezzo di società pubbliche o aziende private coinvolte nel programma spaziale. Con questa ulteriore delibera il presidente degli Stati Uniti ribadisce la volontà di prestarsi a garante delle imprese che vogliano investire nello sfruttamento minerario dello spazio. «Gli americani dovrebbero avere il diritto di impegnarsi nell’esplorazione commerciale, nel recupero e nell’utilizzo delle risorse spaziali», si legge nell’ordine esecutivo. «Lo spazio esterno è un dominio legalmente e fisicamente unico dell’attività umana e gli Stati Uniti non lo considerano un bene comune globale».

Risale la febbre dell’oro, nel Klondike spaziale.