APOD: IL RITRATTO DI ANDROMEDA DALLA QUARATENA

Il cielo in una goccia di Massimo Tamajo

Il sito Nasa, che quotidianamente pubblica una foto a tema astronomico, sceglie lo scatto del siciliano Massimo Tamajo: la galassia di Andromeda riflessa in una goccia di rugiada sullo stelo di un fiore. Un suggestivo esperimento di macrofotografia realizzato in studio, in questo difficile tempo di isolamento

     30/03/2020
Social buttons need cookies

A Little Drop of Galaxy. Crediti: Massimo Tamajo

L’agenzia spaziale statunitense pubblica ogni giorno l’Astronomy Picture Of the Day, meglio conosciuta come Apod, l’immagine astronomica del giorno. Ne riproponiamo spesso anche qui su Media Inaf. Affascinanti lavori di astrofotografia realizzati all’aperto, là dove il cielo è più nitido. Un’attività, questa della fotografia naturalistica, che in tempi di isolamento non è possibile fare. Forse per questo, e per la difficile situazione che sta vivendo l’Italia, la Nasa ha scelto di pubblicare lo scatto del siciliano Massimo Tamajo: un suggestivo esperimento di macrofotografia che immortala la galassia di Andromeda riflessa in una goccia di rugiada sullo stelo di un fiore.

«Mi ha sorpreso la velocità con cui Nasa ha voluto pubblicare. È successo tutto nel giro di 48 ore», dice Tamajo a Media Inaf.

Anche se a prima vista può risultare indistinguibile con il suo debole alone, Andromeda è forse la luce più antica che possiamo osservare a occhio nudo (M31 dista circa 2,5 milioni di anni luce da noi). Ed è a dir poco impressionante vedere raccolti in una goccia d’acqua le braccia a spirale di un oggetto celeste grande 100mila anni luce. Tamajo l’ha fotografata nell’agosto 2018 a Stromboli, isole Eolie. La stampa di quello scatto è finita sulla parete del suo studio ed è lì, dall’isolamento che tutti siamo chiamati a rispettare in questi giorni, che ha voluto osservarla e ritrarla nuovamente. 

«Per poter ottenere dei buoni scatti astronomici, bisogna raggiungere spazi aperti privi di inquinamento luminoso, e questo era quello che facevo ogni volta che ne avevo occasione prima dell’emanazione dei decreti, che oggi ci chiedono di restare a casa. Così è nata l’idea di continuare a lavorare indoor, mettendo insieme le mie due più grandi passioni: la macro e l’astrofotografia. E mi è venuta l’idea di far riflettere all’interno di una goccia d’acqua l’immagine di una galassia, la mia preferita: M31», spiega Tamajo. Era ancora studente quando decise di frequentare un corso di astronomia presso il Centro osservazione e divulgazione astronomica di Siracusa. La fotografia, confessa, gli ha cambiato la vita e da ingegnere elettronico è diventato fotografo naturalista. Oggi organizza mostre fotografiche, eventi divulgativi con scuole ed enti naturalistici, workshop di macrofotografia e astrofotografia di base, ma anche corsi di fotografia individuale.

Il fotografo Massimo Tamajo

Qualche informazione tecnica? 

«Per realizzare lo scatto ho utilizzato la mia reflex Nikon D750 con su una lente macro Sigma 180mm f/3,5 su cavalletto. Davanti alla reflex ho sistemato lo stelo grazie a un’asta snodabile. Mi sono servito della glicerina per creare la goccia. Avrei potuto usare della semplice acqua ma la glicerina è più densa e idonea allo scopo. Infine ho posizionato la mia stampa della galassia di Andromeda sullo sfondo, a una distanza di circa 30 centimetri dallo stelo. Naturalmente la stampa era capovolta, così da ottenere il riflesso corretto all’interno della goccia. I dati di scatto sono i seguenti: ISO 100, f/8, 10 secondi».

Attrezzatura?

«Per il primo approccio all’astrofotografia mi è bastato acquistare un astro inseguitore e utilizzare le lenti che già possedevo. Naturalmente la mia astro fotografia è assolutamente amatoriale e non paragonabile a quella ottenuta con attrezzatura ben più idonea (ma anche molto costosa) che prevede camere astronomiche, telescopi, montature equatoriali di buon livello, camere guida e via dicendo. Io scatto con una reflex che ho fatto modificare per l’astrofotografia e utilizzo i miei obiettivi, tra cui un Tamron 150-600mm che mi è servito per realizzare la foto di Andromeda. Solo da pochi mesi ho sostituito il mio astro inseguitore con una montatura equatoriale Ioptron Cem25P e da pochissimo ho anche aggiunto un telescopio 60-240mm insieme a una cam mono, entrambi per la guida. Piccoli passi che devo dire mi stanno dando anche molta soddisfazione a livello personale».