MISURATO IL CAMPO MAGNETICO INTERPLANETARIO

Verso il Sole con un magnetometro in braccio

La missione Solar Orbiter dell’Agenzia spaziale europea ha inviato a terra le sue prime misure scientifiche dallo spazio, confermando il buon funzionamento dei sensori del magnetometro e del “boom” – il braccio lungo oltre quattro metri che trasporta alcuni dei suoi dieci strumenti per lo studio del Sole

     20/02/2020
Social buttons need cookies

Crediti: Esa

Li vedete quei due rettangolini bianchi lungo il braccio da 4.4 metri di Solar Orbiter indicati, nello schema qui a fianco (cliccare per ingrandire), dalle lettere ‘MAG’? Sono i due sensori del magnetometro: lo strumento che ha il compito di misurare, con grande precisione, il campo magnetico dell’eliosfera. E per farlo con la precisione richiesta deve anzitutto annullare – per quanto possibile – l’interferenza dovuta al campo magnetico prodotto dalla stessa sonda spaziale. Come? Allontanandosene.

Ecco perché i progettisti della missione hanno piazzato i due sensori – insieme ad alcuni altri dei dieci strumenti dei quali la sonda è equipaggiata – sul lungo braccio a estensione (“boom”, in gergo tecnico). Braccio che si è dispiegato il 12 febbraio, circa tre giorni dopo il lancio, e che, come i dati raccolti durante l’operazione mostrano (vedi animazione qui sotto), sta assolvendo egregiamente il suo compito.

Si tratta dei primi dati scientifici inviati a terra dalla missione. Ricevuti dall’Esa il 13 febbraio, dopo l’apertura ed entrata in funzione dell’antenna ad alto guadagno, mostrano come durante la sequenza di dispiegamento del braccio, durata circa mezz’ora, l’intensità del campo magnetico misurato dai sensori sia diminuita di circa un ordine di grandezza, avvicinandosi in due passaggi – corrispondenti alle due fasi del dispiegamento – verso lo zero.

All’inizio della sequenza, alle 19:40 del 12 febbraio, quando i sensori erano ancora vicini al corpo principale della sonda, i dati registravano il campo magnetico di quest’ultima. Al termine, invece, il segnale che domina è quello – assai più debole – che interessa gli scienziati: il campo magnetico dell’ambiente circostante.

Crediti: Esa, Esa/Atg Medialab, Esa/Solar Orbiter/Mag