SCELTO IL LUOGO D’APPRODO DI BERESHEET

Ecco dove Israele toccherà la Luna

Mentre la sonda israeliana Beresheet continua il suo viaggio verso il nostro satellite naturale, il team della missione rende noto di aver selezionato il sito per l’allunaggio – situato nel Mare Serenitas – sul quale il lander dovrebbe posarsi l’11 di aprile

Topografia della regione di circa 140 km di diametro in cui si trovano i potenziali siti di approdo nel Mare Serenitatis (indicato in basso a sx dalla freccia). Più il colore è scuro e minore è l’altitudine. Crediti: Weizmann Institute of Science

Più o meno a metà strada fra i luoghi d’allunaggio dell’Apollo 15 e dell’Apollo 17, a qualche centinaio di km da entrambi. È lì che si trova il sito del Mare Serenitatis dove nella prima metà di aprile – giovedì 11, se tutto andrà secondo i piani – poserà le sue quattro zampe meccaniche il lander israeliano Beresheet, in volo verso la Luna dal 22 febbraio scorso. Sito selezionato nei giorni scorsi da Oded Aharonson del Weizmann Institute of Science (Israele) e da Jim Head della Brown University (Usa) – lo scienziato che mezzo secolo fa aiutò la Nasa a scegliere i luoghi d’approdo per il programma Apollo.

Perché proprio in quel punto è presto detto: è un luogo che dovrebbe garantire un touchdown relativamente sicuro. Pochi crateri, poche rocce esposte, pochi precipizi. E ottime prospettive dal punto di vista della scienza: le caratteristiche magnetiche della crosta lunare, in quella regione, dovrebbero infatti essere tali da consentire allo strumento principale di Beresheet – un magnetometro di nome Silmag (SpaceIL Magnetometer) – di acquisire dati di notevole interesse. «Sulla scorta della nostra esperienza con il programma Apollo, i siti di Serenitatis sono favorevoli sia per la sicurezza degli atterraggi che per il ritorno scientifico», dice Head riferendosi al luogo prescelto e agli altri tre di backup individuati dal team della missione.

Nel frattempo, mentre la sonda è impegnata nel suo lento avvicinamento, gli scienziati sfruttano l’attesa per analizzare e preparare gli strumenti di bordo ai compiti che li attendono. Silmag, in particolare, sta registrando con precisione la firma magnetica della sonda stessa, per poterla poi sottrarre alle misure che verranno effettuate sulla Luna. Misure del magnetismo delle rocce lunari che permetteranno ai ricercatori di comprendere meglio come e quando la Luna abbia acquisito il suo campo magnetico.

https://twitter.com/MasaCritit/status/1102894016360865792

Ma non c’è solo il lavoro: fra un test e l’altro, Beresheet approfitta della lunga traversata spaziale per farsi anche qualche selfie. Sono perlopiù scatti con la Terra o la Luna sullo sfondo, e in primo la bandiera israeliana con le scritte “Am Israel Hai” (in ebraico, il popolo d’Israele vive) e “Small country, big dreams”. Piccola nazione, grandi sogni. Grandi sogni come questo che sta per avverarsi: diventare la quarta nazione – dopo tre colossi come l’ex Unione sovietica, gli Usa e la Cina – a posare un proprio lander sulla Luna.

Guarda il servizio video su MediaInaf Tv: