È LA PRIMA MISURA TOMOGRAFICA DI QUESTO TIPO

Tac al campo magnetico della Via Lattea

Prodotta una mappa 3D del campo magnetico di una porzione di cielo della nostra galassia. I risultati, pubblicati sulla rivista The Astrophysical Journal, sono stati ottenuti da un team di tre ricercatori della Australian National University

Una mappa tridimensionale. E non una mappa qualsiasi. È quella del campo magnetico di uno spicchio di cielo della nostra Via Lattea. L’ha ottenuta un team di ricercatori grazie a stime dei campi magnetici in due nubi situate al confine tra la costellazione dell’Orsa Maggiore con quelle della Giraffa e del Dragone. I risultati, pubblicati su The Astrophysical Journal, sono i primi a riportare una mappa tomografica dell’intensità del campo magnetico della nostra galassia

Vista in 3D e localizzazione nella Via Lattea delle nubi nelle quali i ricercatori hanno stimato il valore del campo magnetico. La freccia arancione indica la linea di vista delle due nubi. Crediti: Aris Tritsis e colleghi

Campo magnetico che i ricercatori hanno trovato più forte di quel che si credeva. Per entrambe le nubi prese in considerazione nello studio, esso è cinque volte maggiore di quello che i precedenti modelli teorici avevano predetto: 15 microgauss – l’unita di misura della forza del campo magnetico – per la  prima, quella più lontana dalla Terra e più in basso nell’immagine che vedete accanto, e tra i 4 e i 17 microgauss per le quattro regioni nella quale è stata suddivisa l’altra, quella più vicina alla Terra. Per confronto, il valore di 15 microgauss misurato nel mezzo interstellare è 10 milioni di volte più piccolo della forza di uno dei magneti che attacchiamo ai nostri frigoriferi. Eppure, nonostante sia così ridotto, fa sentire i suoi effetti per decine di anni luce, ed è dunque estremamente importante per diversi processi astrofisici.

La ragione della differenza fra le nuove stime e quelle suggerite dai modelli precedenti è dovuta – secondo uno dei coautori dell’articolo, Christoph Federrath, della Australian National University (Anu) – al fatto che queste ultime «erano basate su osservazioni che non permettevano di sondare il campo magnetico in tre dimensioni».

L’obiettivo è quello di arrivare a una mappa completa del campo magnetico della Via Lattea. «Il nostro lavoro prova che uno studio così ambizioso è fattibile», dice il primo autore dell’articolo, Aris Tritsis. «Il prossimo passo è creare una mappa 3D del campo magnetico dell’intera galassia e studiare tutti gli altri processi astrofisici che da esso dipendono. Un lavoro che spiana la strada a future scoperte sull’evoluzione della Via Lattea, sulla formazione delle stelle, dei pianeti e delle prime fasi dell’evoluzione dell’universo».

Un ambito per il quale questo studio potrà avere importanti implicazioni è quello dei raggi comici ad altissima energia, e in particolare la comprensione del modo in cui queste particelle molto energetiche viaggiano attraverso la galassia. «Conoscendo la struttura e la forza del campo magnetico», spiega Vasiliki Pavlidou, anch’ella coautrice dell’articolo, «crescono le possibilità di riuscire a localizzare le sorgenti di queste particelle estremamente energetiche, permettendoci così di cercare una nuova fisica ad energie estreme».

Per saperne di più: