IL TELESCOPIO COME UN SISMOGRAFO

Stelle tremolanti: è stato il terremoto

Il Rapid Action Telescope for Transient Objects, un telescopio dell’Eso progettato per monitorare lampi gamma, ha registrato indirettamente – con una foto “mossa” – gli effetti di un sisma di magnitudo 6,7 avvenuto il 20 gennaio 2019 a Coquimbo, in Cile

Crediti: Eso/A Klotz (Tarot)

Nella notte del 20 gennaio 2019 Coquimbo, in Cile, ha tremato a causa della forza di un terremoto di magnitudo 6,7. Anche se Coquimbo si trova a 90 chilometri dall’osservatorio La Silla dell’Eso, i suoi effetti sono passati tutt’altro che inosservati. Questa immagine unica mostra il terremoto registrato dal Rapid Action Telescope for Transient Objects (Tarot), un telescopio progettato per monitorare lampi gamma.

Nella notte in questione, Tarot stava osservando satelliti geostazionari, che assomigliano a punti statici nel cielo visti da un telescopio a terra. Di conseguenza, le stelle vengono registrate come tracce, mentre la Terra ruota sul suo asse durante l’esposizione. In questa foto, tre immagini da 10 secondi, scattate in rapida successione nella notte del terremoto, sono state sovrapposte.

La prima immagine (a sinistra) è stata avviata 41 secondi dopo l’inizio del terremoto e l’ultima (a destra) termina circa 100 secondi dopo l’inizio del terremoto. Ogni stella è vista tre volte mentre il terremoto scuote il telescopio e offusca la sua visione del cielo notturno. L’effetto del terremoto si indebolisce gradualmente con il tempo (verso la parte destra dell’immagine).

Questa registrazione dell’immagine è simile alle misurazioni registrate dai sismografi su un rotolo di carta.

Fonte: comunicato stampa Eso