IN ATTESA DEI DATI DALLA SONDA ESA JUICE

Sogni di vita in una palla di neve

A oltre un miliardo di chilometri dalla Terra, tra le lune di ghiaccio di Giove e Saturno, inospitali anche per Santa Claus, i ricercatori dell’università di Warwick non escludono la possibilità di forme di vita

Encelado. Credit: University of Warwick

«Vivere tutto l’anno in un paesaggio di neve e ghiaccio senza fine potrebbe non sembrare particolarmente invitante, nemmeno per Babbo Natale! Ma queste lune», sostiene David Brown, del Centre for Exoplanets and Habitability dell’Università di Warwick (Regno Unito), riferendosi ai satelliti naturali di Giove e Saturno, «offrono alcune fra le migliori possibilità di vita oltre la Terra nel Sistema solare, e sono ambienti molto interessanti da esplorare».

Incoraggiati dalle recenti scoperte su Encelado, la sesta luna più grande di Saturno, avvolta da un perenne guscio di ghiaccio che la destina a un perpetuo inverno, Brown e i suoi colleghi, come molti altri nel mondo, ritengono infatti che luoghi simili potrebbero essere compatibili con la vita, anche se sulla luna di Saturno le temperature raggiungono a mezzogiorno i 75 Kelvin (pari a 198 gradi sotto zero). Sebbene le condizioni sembrino inospitali, i ricercatori suggeriscono che la vita potrebbe prosperare in quei luoghi grazie a grandi quantità di acqua che potrebbe già essere sede di vita microbica, protetta al di sotto della superficie ghiacciata dalle radiazioni ultraviolette nocive e dai raggi cosmici. Condizioni rese ancora più incoraggianti grazie alla regolare miscelazione dell’acqua prodotta da cambiamenti di temperatura e pressione, e alla possibile attività di sorgenti idrotermali come quelle presenti negli oceani della Terra.

Nel 2005 la sonda Cassini, sorvolando Encelado, ha rivelato dettagli della sua superficie e dell’ambiente in modo molto particolareggiato, inclusi i pennacchi ricchi di acqua che si levano dalla regione polare sud della luna. Le speranze di Brown e dei suoi collaboratori sono ora riposte nei primi dati che arriveranno dalla missione dell’Agenzia spaziale europea Juice (JUpiter ICy moons Explorer), che dal 2022 studierà l’intero complesso sistema gioviano e in particolare l’abitabilità delle lune di Giove, prime fra tutte Ganimede ed Europa.