NAVIGA NELLA TIMELINE INTERATTIVA

Tappa per tappa, vent’anni di Cassini

Per celebrare una fra le più spettacolari e longeve missioni d’esplorazione del Sistema solare, abbiamo creato una timeline interattiva che consente di ripercorre alcuni eventi e alcune scoperte scientifiche memorabili della ventennale avventura nello spazio della sonda Cassini

Entra nella timeline interattiva cliccando sull’immagine

Il 15 ottobre 1997, a Cape Canaveral in Florida, un razzo Titan IV spediva in orbita due tra i più costosi e sofisticati apparecchi mai costruiti dalla specie umana – un groviglio di sensori e apparecchiature per oltre due tonnellate di materiale, come un grosso Suv, alle quali vanno aggiunte altre tre tonnellate abbondanti di carburante. Poco più di sei anni dopo, compiuto un viaggio di un miliardo e mezzo di chilometri, la sonda Cassini e il lander Huygens raggiungono finalmente l’orbita di Saturno, e iniziano la loro missione di esplorazione. Durante i tredici anni successivi, Cassini invierà verso la terra migliaia di immagini e di dati riguardo al complesso e delicato sistema di anelli e di lune attorno al più spettacolare gigante gassoso del nostro Sistema Solare. Le incredibili immagini di Saturno, Encelado, o della superficie di Titano hanno rotto la barriera che divide la comunità scientifica dal pubblico, e grazie alla loro bellezza sono entrate a far parte della cultura popolare, cambiando per sempre la nostra percezione del sistema solare, e la nostra posizione in esso.

Il 15 settembre 2017, l’orbita di Cassini porterà la sonda all’interno dell’atmosfera di Saturno, terminando la propria lunga carriera soccombendo alle tremende temperature e pressioni che incontrerà durante la discesa. Per celebrare una fra le più spettacolari e longeve missioni d’esplorazione del Sistema solare, abbiamo creato una timeline interattiva che ripercorre le tappe più importanti di questo incredibile viaggio ventennale (cliccare per usarla):

Clicca sull’immagine per accedere alla timeline interattiva

Integrazione del 13.09.2017: il dato relativo alla “dry mass”, ovvero la massa dello spacecraft senza carburante, è stato integrato con quello relativo al carburante, ora quasi completamente esaurito.