NON FA DA SCUDO CONTRO LE COMETE

Vita sulla Terra grazie a Giove? È possibile

Il ruolo difensivo di Giove potrebbe essere stato sovrastimato. È vero che molte comete, come altri corpi, sono deviate da questo pianeta, ma è altrettanto vero che tante altre vengono invece dirottate verso la Terra. Per questo si pensa che sia Giove che Saturno abbiano avuto un compito non di poca importanza: traghettare particelle fondamentali per la vita verso l'orbita del nostro pianeta

Il pianeta Giove fotografato da Cassini. Crediti: NASA/JPL/Space Science Institute

Il pianeta Giove fotografato da Cassini. Crediti: NASA/JPL/Space Science Institute

Pensate che sia Giove a farci da scudo proteggendoci dalle comete provenienti dai confini del Sistema solare? Finora questo è stato il pensiero comune a quasi la totalità della comunità scientifica. Un recente studio comparso su Astrobiology e firmato da Kevin Grazier, PhD presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA, conferma però una teoria che già una decina di anni fa circolava fra gli esperti: non solo Giove non ci fa da scudo (concetto sovrastimato), ma sarebbe da rivalutare il ruolo che avrebbe avuto nello sviluppo della vita sulla Terra.

Considerando il ruolo di Saturno sull’evoluzione della vita -precedentemente sottovalutato – con la nuova simulazione, Grazier descrive l’evoluzione di decine di migliaia di particelle negli spazi vuoti tra i pianeti gioviani per un massimo di 100 milioni di anni. Sulla base dei suoi risultati, il ricercatore ha concluso che Giove non è esattamente uno scudo per la Terra. Anzi il contrario: Giove e Saturno contribuiscono ad attirare un grandissimo numero di particelle verso il Sistema solare interno (Mercurio, Venere, Terra e Marte) e verso le orbite che incrociano il percorso della Terra.

A cosa è arrivato Grazier? Nello studio ha proposto che, se esistesse un altro sistema solare con uno o più pianeti simili a Giove oltre la regione dei potenziali pianeti terrestri, questo potrebbe essere vantaggioso per un eventuale sviluppo della vita.

Sherry L. Cady, caporedattrice di Astrobiology, ha detto: «In questo lavoro capiamo che “Giove come scudo” è un concetto del passato, e la ricerca futura in questo settore richiederà l’uso continuato di simulazioni come quelle effettuate da Grazier».

Per saperne di più:

Lo studio “Jupiter: Cosmic Jekyll and Hyde”, di Kevin R. Grazier