IL CASO 2MASS J18082002–5104378

Scoperto un raro fossile galattico

È la più brillante fra quelle estremamente povere di metalli. Si tratta di una stella che risale al periodo di formazione della nostra galassia, una specie rara di fossile galattico che offre una nuova finestra verso lo studio delle prime stelle che si formarono non solo nella Via Lattea ma in generale nell’Universo. I risultati sono pubblicati su Astronomy & Astrophysics

eso_ump

L’immagine mostra la regione di cielo nella quale è stata scoperta la stella più brillante e ultra povera di metalli. Credit: ESO/Beletsky/DSS1 + DSS2 + 2MASS

Un gruppo di ricercatori guidati da Jorge Meléndez dell’Università di São Paulo ha identificato la stella più brillante fra quelle estremamente povere di metalli. Si tratta di una sorta di “raro fossile galattico” che risale all’epoca di formazione della Via Lattea. Come tale, essa offre un’opportunità unica, in quanto permette di ricavare preziosi indizi sull’origine delle prime stelle che si formarono nella nostra galassia e in generale nell’Universo. I risultati di questo studio sono riportati su Astronomy & Astrophysics.

La scoperta di questa stella, denominata con la sigla 2MASS J18082002–5104378, è stata resa possibile grazie ad una serie di osservazioni realizzate con i telescopi dell’European Southern Observatory (ESO) situati in Cile. L’oggetto venne identificato inizialmente nel 2014 con il New Technology Telescope mentre osservazioni successive condotte con il Very Large Telescope rivelarono che la stella mostra, a differenza di stelle più giovani come il Sole, un’abbondanza sorprendentemente bassa di ciò che gli astronomi chiamano metalli, cioè elementi più pesanti dell’idrogeno e dell’elio. Essa è talmente priva di questi elementi da essere stata denominata ultra metal-poor star.

Anche se si ritiene siano state diffusissime durante le fasi primordiali della storia cosmica, oggi è raro imbattersi in stelle povere di metalli, sia nella Via Lattea che in altre galassie vicine. Sappiamo che i metalli si formano nelle stelle a seguito dei processi di fusione nucleare e vengono poi spazzati nel mezzo interstellare quando questi oggetti diventano vecchi ed esplodono dando luogo al fenomeno delle supernovae. Perciò, generazioni successive di stelle si formeranno da materiale sempre più ricco di metalli, a differenza delle stelle povere di metalli che hanno invece avuto origine in un ambiente cosmico “incontaminato” che caratterizzava lo spazio immediatamente dopo il Big Bang. Dunque, studiare oggetti come 2MASS J18082002–5104378 permetterà agli scienziati di svelare da un lato i segreti sulla loro formazione e dall’altro di studiare indirettamente lo stato fisico dell’Universo primordiale.


Per saperne di più: