LA SONDA ROSETTA

Gli occhi di OSIRIS guardano Chury

L'ultima immagine della cometa che appassiona tutto il mondo. La sonda dell'ESA presto abbandonerà 67P per terminare la sua missione

Crediti: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

Crediti: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

Cominciamo l’anno nuovo guardando ancora la cometa che per mesi e mesi ha catturato la nostra attenzione. Parliamo di 67P/Churyumov–Gerasimenko, oggetto di studio della sonda europea Rosetta e del lander Philae, entrambi arrivati sulla cometa nel novembre del 2014.

In questa immagine, scattata dallo strumento  OSIRIS (Optical, Spectroscopic and Infrared Remote Imaging System) da 79,6 km di distanza dalla cometa, si vede proprio la cometa, tra luci e ombre. La progettazione della camera montata sulla sonda madre ha visto il contribuito dell’Università di Padova attraverso il CISAS.

La missione Rosetta andrà avanti fino a quando la cometa si troverà a 2 unità astronomiche dal Sole (il doppio della distanza Terra-Sole) nella fase di allontanamento. Gli esperti, però, ipotizzano che i pannelli solari di cui è dotata la sonda avranno energia per altre due unità astronomiche e ciò vuol dire che potremo seguire la cometa fino a metà 2016 per poi perderla del tutto. I tecnici sperano che nelle fasi di avvicinamento il Sole riesca a ricaricare le batterie di Philae.