4 VOLONTARI PER INIZIATIVE DI DIVULGAZIONE

Capodimonte apre le porte al Servizio Civile

L’obiettivo è quello di valorizzare il patrimonio storico-scientifico dell’Osservatorio attraverso l’incremento dell’ offerta di servizi culturali per soddisfare la richiesta territoriale e permettere una più ampia divulgazione della cultura

concerto4mani

Concerto a 4 mani dei pianisti Maria Sbeglia e Umberto Zamuner, che hanno intrattenuto il folto pubblico con brani di Mozart, Liszt, Rossini e Brahams. Il concerto è stato preceduto da conversazioni scientifiche a cura degli astronomi dell’Osservatorio di Capodimonte (foto Attanasio)

Lo scorso 3 novembre i volontari del Servizio Civile Nazionale (SCN)  hanno preso servizio all’INAF-Osservatorio Astronomico di Capodimonte nell’ambito del progetto INAF-Osservatori di Cultura realizzato in  collaborazione con Amesci, associazione di promozione sociale di carattere giovanile che opera in Italia e all’estero nonché ente accreditato  di I classe per il Servizio Civile Nazionale.

L’SCN, nato come alternativa alla leva militare obbligatoria, ha oggi come obiettivo la realizzazione dei principi costituzionali di solidarietà sociale, cooperazione, salvaguardia e tutela del patrimonio della Nazione, contribuendo alla formazione civica, sociale, culturale e professionale dei giovani. Per la prima volta quest’anno l’ OACNa sposa i valori del SCN coinvolgendo 4 volontari in attività di divulgazione e promozione delle iniziative culturali e scientifiche dell’ente. L’obiettivo è quello di valorizzare il patrimonio storico-scientifico dell’Osservatorio attraverso l’incremento dell’ offerta di servizi culturali per soddisfare la richiesta territoriale e permettere una più ampia divulgazione della cultura.

L’Osservatorio oggi non è solo un luogo di studio e di ricerca scientifica,  ma si propone di diventare anche luogo di incontro e culla di un processo di riappropriazione della conoscenza scientifica, spesso sconosciuta o dimenticata dalla popolazione locale. Perché questo si realizzi, occorre un grande lavoro di equipe, piena condivisione del progetto e degli obiettivi, nonché la collaborazione di tutto il personale.

I volontari, affidati alla guida dell’OLP Luciano Terranegra , affiancato da Maria Teresa Fulco – promotrice del progetto – hanno avuto il “battesimo del fuoco”  fornendo validissimo supporto all’iniziativa “A Capodimonte tra Luna e Musica” in collaborazione con l’associazione Ex Allievi del Conservatorio di musica “S.Pietro a Majella” di Napoli, lo scorso 17 Novembre. Attualmente sono impegnati nell’organizzazione dell’evento conclusivo dell’International Year of Light 2015 promosso dall’UNESCO, in programma per  il 12 dicembre presso l’Osservatorio.


 

Per conoscere meglio il progetto e i volontari clicca qui