X

PROCESSI REGIONALI NON GLOBALI

Il mistero dei canali che disegnano Marte

Ciò che ha provocato la formazione di questi lunghi e larghi canali è un processo esplosivo da riscontrarsi regionalmente. Non si tratta, infatti, di una vasta falda acquifera globale. Cosa successe? I canyon si riempirono di sedimenti, l'oceano pian piano evaporò e la superficie rimase ghiacciata; circa 3,2 miliardi di anni fa, la lava al di sotto dei canyon riscaldò il suolo sciogliendo il materiale ghiacciato e dando così il via al vasto sistema fluviale

Cosa portò alla formazione dei lunghi ed enormi canali di scorrimento che disegnano la superficie di Marte? Finora gli esperti hanno creduto che fossero stati creati da una grande falda acquifera a livello globale che rilasciò enormi quantità di acqua nel lontano (lontanissimo) passato del quarto pianeta del Sistema solare. Non è così, almeno è quello che cercano di provare i ricercatori guidati da Alexis P. Rodriguez del Planetary Science Institute. Il suo team ha rivelato che delle esplosioni sotterranee gigantesche provocarono la formazione dei maggiori canali fluviali su Marte, 3,2 miliardi di anni fa (sono anche i canali più lunghi e profondi dell’interno Sistema solare).

«Il processo di inondazione è regionale, non globale», ha detto Rodriguez, primo autore dello studio “Martian outflow channels: How did their source aquifers form, and why did they drain so quickly?”, pubblicato su Nature Scientific Report. La prova sta in depositi di ghiaccio e sedimenti rocciosi risalenti a 450 milioni di anni prima delle esplosioni: «I sedimenti fluviali e il ghiaccio hanno riempito questi canyon giganti sotto un oceano primordiale nelle pianure settentrionali del pianeta. È stata l’acqua conservata in questi sedimenti nei canyon che ha provocato poi le grandi inondazioni, i cui effetti si possono vedere oggi».

Cosa successe? I canyon si riempirono, l’oceano pian piano evaporò e la superficie rimase ghiacciata per circa 450 milioni di anni. Poi, circa 3,2 miliardi di anni fa, la lava al di sotto dei canyon riscaldò il suolo sciogliendo il materiale ghiacciato e dando così il via al vasto sistema fluviale di cui oggi vediamo solo le tracce nelle centinaia di chilometri di canali. «Il nostro studio dimostra che gli antichi sedimenti su Marte possano aver seppellito enormi quantità di acqua, probabilmente innescando anche la glaciazione del pianeta – ha spiegato ancora Rodriguez – Le prove che questo ambienti antichi nel passato possa essere stato in grado di sostenere forme di vita simili a quelle sulla Terra potrebbero essere presenti nei materiali del sottosuolo che sono ora in superficie».

Lo scienziato ha anche sottolineato che proprio perché il processo di sedimentazione, congelamento, riscaldamento e poi eruzione è da registrarsi su scala regionale, «potrebbero esserci vasti bacini di acqua ghiacciata intrappolati sotto la superficie marziana ai confini con l’antico oceano dell’emisfero settentrionale così come sotto la superficie di altre regioni del pianeta in cui erano presenti contemporaneamente mari e laghi. Questo potrebbe essere fondamentale per il futuro delle attività umane su Marte». E si spera che questo futuro arrivi molto presto!

Per saperne di più:

Leggi QUI l’articolo:  “Martian outflow channels: How did their source aquifers form, and why did they drain so quickly?”, di J. Alexis P. Rodriguez et al.

Categories AstronomiaNewsSpazio
Tags acqua ghiacciatacanalifaldefiumiMartepianeta rosso
Eleonora Ferroni: Eleonora Ferroni è nata nel 1987. Giornalista pubblicista e laureata in Giornalismo alla Lumsa nel 2012, dal 2010 ha cominciato la gavetta giornalistica in giornale locale della sua città, IlCapoluogo.it dell'Aquila. Da sempre appassionata di giornalismo scientifico, dal 2012 ha iniziato una collaborazione con l’Ufficio stampa dell’INAF, Istituto Nazionale di Astrofisica di Roma, e con la testata giornalistica MediaINAF. Dal 2013 scrive anche per il quotidiano Globalist.it