L'ANALISI DI STEFANO LIBERATI DELLA SISSA

Liscio o granuloso… è highlights

L’articolo sullo stato dell'arte sullo spazio tempo è stato richiesto e pubblicato dalla rivista Classical and Quantum Gravity . La pubblicazione chiede periodicamente ai principali esperti mondiali di riassumere ciò che è conosciuto in un campo specifico di studio. Il riesame fatto da Liberati è stato selezionato come uno degli highlight 2013 della rivista.

albert-einstein1-1Liscio o granuloso? Lo spazio-tempo è continuo o scopriremmo che è costituito da finissimi grani( 10-35 metri sulla  scala di Planck“)  se guardassimo molto da vicino. E se questa ipotesi si rivelasse veritiera allora ci discosteremmo dalla teoria della relatività ristretta formulata da Albert Einstein più di 100 anni fa .

In alcuni scenari teorici , la “non continuità” dello spazio- tempo implica violazioni alla invarianza delle leggi fisiche che rispondono alle cosiddette trasformazioni di Lorentz ( che stabiliscono che le leggi fisiche sono uguali per tutti i sistemi di riferimento inerziali che sono alla base della relatività speciale) . Dagli anni ’90 i fisici hanno messo a punto diversi metodi (spesso basati su fenomeni connessi alla astrofisica ad alta energia ) per testare queste deviazioni dalla fisica standard.

Stefano Liberati , coordinatore del gruppo di Fisica astroparticellare della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste , ha recentemente pubblicato una revisione sistematica per presentare lo stato dell’arte in questo campo ed i limiti che possono averei vari modelli che predicono violazioni alla Relatività Speciale .

L’articolo è stato richiesto e pubblicato dalla rivista Classical and Quantum Gravity . La pubblicazione chiede periodicamente ai principali esperti mondiali di  riassumere ciò che è conosciuto in un campo specifico di studio. Il riesame fatto da Liberati è stato  selezionato come uno degli highlight 2013 della rivista.

“I fisici – dice Liberati – si sono chiesti per anni circa la natura dello spazio – tempo. Ci chiediamo se è continua in tutte le scale , come lo percepiamo nella nostra esperienza quotidiana , o se in dimensioni molto piccole che presentano una grana irregolare che noi, nella nostra esperienza diretta , non siamo in grado di percepire ” , spiega Liberati . “Immaginate di guardare una lastra di marmo da una certa distanza : sembra avere una struttura uniforme. Tuttavia , a ben guardare, per esempio con un potente microscopio , si può vedere che il marmo è poroso e irregolare “.

“È quello che cercano di fare i fisici: trovare qualcosa che agisca come un microscopio per scoprire se in piccolissima scala di lunghezza ci sia è davvero qualche irregolarità”.

“Nel mio articolo ho presentato una panoramica degli esperimenti e delle osservazioni che possono essere sfruttate per indagare l’esistenza di queste irregolarità . La relatività speciale è uno dei capisaldi della fisica moderna e come tale è molto importante la sua validità , nei modi che le attuali osservazioni  ci permettono ” .