SUCCESSO DEL LANCIO DI QUALIFICA

VEGA, pronti… Via

È partito puntuale alle 11.00 e ha svolto il suo compito nel migliore di modi. Il lanciatore VEGA ha avuto il suo primo lancio di qualifica. Al 60% italiano il nuovo vettore europeo vede la luce dopo oltre un decennio. Il ricordo di De Julio

Qui comincia l’avventura del… lanciatore VEGA. Partito puntualmente alle ore 11.00 italiane dalla base ESA di Kourou nella Guyana francese, il vettore al 60% italiano, ha completato il suo primo test di qualifica. Soddisfazione è stata espressa dall’Agenzia Spaziale Italiana e Europea, oltre che dall’AVIO Group, partner industriale del programma.

VEGA è un progetto nato negli anni ’60 grazie al padre dello spazio italiano, Luigi Broglio, ma che è diventato un programma reale solo a fine degli anni ’90, quando fu inserito nel Piano Spaziale Nazionale e fu reso, nonostante le resistenze francesi, un programma europeo.

All’epoca presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana era Sergio De Julio. A lui toccò affrontare la Francia, restia a condividere un predominio, quello dei lanciatori, la cui resistenza fu vinta da un’Italia che da una parte dichiarò che sarebbe andata avanti da sola e dall’altra, alla ministeriale ESA del 1999, minacciò di ritirare i finanziamenti per il programma Ariane.

“Erano quattro le motivazioni su cui si basava la nostra convinzione di portare avanti il programma VEGA – ricorda De Julio – da una parte che mancava un lanciatore medio-piccolo e che andasse completata la gamma dei lanciatori europei, dall’altra la consapevolezza che vi fosse crescente una domanda di vettori per satelliti medio-piccoli , fino ad una tonnellata di peso. A queste si aggiungevano altre due considerazioni:  l’autonomia  dell’Europa nell’accesso allo spazio e, conclude De Julio, l’aspetto tutto nazionale, di poter acquisire  una competenza che era solo parziale”.

Da allora sono passati 12 anni. Il cammino di VEGA infatti non è stato facile, ma ha più di un merito oggi questo lanciatore. Non solo, come detto da De Julio, la prova di  un’acquisita capacità nazionale, ma anche che “ il lanciatore – ricorda Giovanni Bignami Presidente dell’INAF  – ha nel suo volo di qualifica, a bordo dei payloads: sei mini satelliti, ma soprattutto LARES (Laser Relativity Satellite), che permetterà di raggiungere importanti obiettivi scientifici nel campo della fisica gravitazionale, fisica fondamentale e scienze della Terra, di cui è PI Ignazio Ciufolini dell’Università di Lecce. Un risultato, quello di ottimizzare il lancio – conclude Bignami – a cui ho dato il mio contributo quale Presidente dell’ASI”.