IMMAGINI DAL SISTEMA SOLARE

La grande tempesta del nord

Dal 2010, la sonda Cassini continua a studiare e produrre magnifiche immagini della grande tempesta dell'emisfero nord di Saturno.

Alla fine del 2010, i ricercatori della missione Cassini-Huygens hanno identificato una tempesta nell’emisfero nord del pianeta Saturno. Non è certamente la prima volta: la sonda Cassini già nel 2004 aveva individuato una tempesta nell’emisfero sud del pianeta chiamata “tempesta del Dragone”.

Ma decisamente, questa dell’emisfero nord, iniziata nel 2010 e sviluppatasi per oltre un anno, è la tempesta più grande e interessante mai osservata, con una superficie enorme e con fulmini 10.000 volte più intensi di quelli terrestri (vedi articoli precedenti). Dalla sua scoperta e per tutta la sua durata, la tempesta è stata seguita e studiata da vicino dagli strumenti a bordo della sonda Cassini.

Una immagine di Saturno realizzata dalla Cassini. Missione: Cassini-Huygens. Crediti: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute

In questo magnifico mosaico a falsi colori del pianeta è visibile la coda dell’enorme tempesta, mentre la testa è tramontata oltre l’orizzonte. Per realizzare questo mosaico è stato necessario combinare 12 immagini nell’infrarosso realizzate dalla wide angle camera il 12 gennaio 2011. Al momento in cui sono state scattate queste foto, Cassini si trovava a 1.1 milioni di chilometri dal pianeta e la risoluzione dell’immagine è di 122 chilometri per pixel. Per la scelta dei colori, sono stati utilizzati tre diversi filtri nel vicino infrarosso (in particolare a 890, 752 e 728 nanometri) per distinguere i vari strati dell’atmosfera. Il mosaico permette dunque una chiara lettura della struttura dell’atmosfera del pianeta: il rosso e l’arancione indicano nuvole basse (e dunque profonde) nell’atmosfera. Il giallo e il verde rappresentano nuvole a profondità intermedia e bianco e blu indicano le nuvole alte dell’atmosfera.

Grazie alla sua risoluzione e alla legenda di colori, il mosaico permette dunque di aggiungere interessanti dettagli allo studio della tempesta dell’emisfero nord. Al centro della tempesta, nel quadrante in alto a sinistra del disco di Saturno è visibile una struttura di forma ovale ritenuta dai ricercatori di grande interesse e facilmente interpretabile grazie ai colori dell’immagine come una enorme voragine negli strati più profondi dell’atmosfera.

Come sempre, guardando con attenzione l’immagine, molte altre informazioni scientifiche saltano agli occhi, come il puntino nero nel quadrante in basso a sinistra sul disco di Saturno, che rappresenta l’ombra della luna Encelado. O gli anelli, visibili come una sottilissima linea che taglia l’immagine in orizzontale, mettendo in evidenza la struttura incredibilmente estesa e sottile degli anelli stessi, spessi appena qualche chilometro. Nel codice di colori del mosaico la linea appare di colore azzurro, essendo gli anelli ben al di fuori dell’atmosfera del pianeta. Da notare infine, l’ombra degli anelli, illuminati dalla luce del sole che li colpisce dall’alto, proiettata sul disco di Saturno. Sono visibili con sorprendente chiarezza le divisioni tra i vari anelli del pianeta.

Per sapere di più sull’evoluzione della tempesta:

La rubrica “Immagini dal Sistema Solareè a cura della Southern Europe Regional Planetary Imaging Facility (SRPIF), la Fototeca NASA ospitata presso gli Istituti INAF IASFIFSI di Roma (presto IAPS Roma), con la collaborazione delloSpace Photography Laboratory (SPL), la Fototeca dell’Università dell’Arizona.