A 40 ANNI LUCE DALLA TERRA

Cancri e, un pianeta denso come il piombo

Si chiama Cancri e ed è il pianeta extra solare più denso fin qui scoperto. Venuto alla "luce" nel 2004 recenti studi compiuti con dati del telescopio canadese MOST, hanno evidenziato la struttura del pianeta e la sua breve rivoluzione intorno alla sua stella madre: 18 ore.

È il ritratto di un pianeta paragonabile ad una super terra super esotica, quello svelato dagli astronomi sul più denso pianeta roccioso fin qui conosciuto.

Un team internazionale di astronomi ha infatti rivelato  i dettagli di un pianeta extrasolare “super-esotico”, al cui confronto il pianeta Pandora del film Avatar impallidirebbe.

Il pianeta, chiamato 55 e Cancri, dal nome della sua stella madre, ha un diametro del 60% più grande di quello della Terra ma è otto volte più massiccio.

Due volte più denso della Terra – quasi più denso del piombo – è il più denso pianeta soldio ad oggi conosciuto. Almeno secondo il team di astronomi del Massachusetts Institute of Technology (MIT), la University of British Columbia (UBC), l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics e l’Università della California a Santa Cruz (UCSC).

La ricerca, basata su osservazioni del telescopio spaziale canadese MOST (Microvariability & oscillazioni delle stelle), è stata pubblicata online su arXiv.org ed è stato presentato per la pubblicazione sulla rivista Astrophysical Journal Letters.

Distante circa 40 anni luce dalla Terra, 55 Cancri e orbita intorno ad una stella – chiamato 55 Cancri A – in maniera così ravvicinata che il suo “anno” di rivoluzione è inferiore a 18 ore.

La temperatura sulla superficie del pianeta si aggirerebbe sui  2.700 gradi Celsius. “A causa del caldo infernale, è improbabile che  55 Cancri e abbia un’atmosfera”, dice l’autore della pubblicazione Josh Winn del MIT. “Quindi questo non è il tipo di posto in cui potrebbe essere presente vita”.

Tuttavia, 55 Cancri e è il tipo di posto scienziati che studiano i pianeti extrasolari sono desiderosi di “visitare” con i loro telescopi, aggiunge Winn. “La luminosità della stella ospite fa molti tipi di misurazioni sensibile possibile, quindi 55 Cancri e è il laboratorio ideale per testare le teorie della formazione dei pianeti, l’evoluzione e la sopravvivenza”.

Mentre il pianeta non è visibile, anche attraverso un telescopio, la sua stella, 55 Cancri A, si può osservare a occhio nudo per i prossimi due mesi in una “limpida” scura notte.

In questo mondo si pesano tre volte di più che sulla Terra, di giorno il sole apparirebbe 60 volte più grande e  3.600 volte più brillante, fa notare afferma Matthews, secondo autore della pubblicazione.

Il primo pianeta intorno a  55 Cancri A,  chiamato b fu scoperto nel 1997. Nei cinque anni successivi, lo stesso team della California rinvenne altri due pianeti c e d. Nel 2004, un team con sede in Texas, ha trovato 55 Cancri e mentre un quinto pianeta, f, è stato scoperto nel 2008.

Tutti e cinque i pianeti sono stati rilevati con la tecnica Doppler, ovvero le minime oscillazioni dovute alle forze gravitazionali. Matthews è d’accordo. “Questo è il genere di cose capitano Kirk farebbe in un vecchio episodio di Star Trek, Siamo finalmente mettersi al passo con – forse iniziando a superare -. Fantascienza che ho sognato da bambino”