FOTO E VIDEO SU MEDIA INAF

L’eclissi, tra le nuvole

Un cielo coperto su molte zone dell'Italia ha in parte rovinato lo spettacolo dell'eclissi di sole avvenuta questa mattina. Nonostante ciò, alcune suggestive immagini del fenomeno celeste sono state catturate all'Osservatorio INAF di Capodimonte. E scatta il conto alla rovescia per la prossima eclissi totale di luna, il 15 giugno prossimo, visibile anche dall'Italia.

Era attesa da molti la prima eclissi del 2011. Chi con telescopi, chi con binocoli o semplicemente con vetri affumicati o occhiali scuri erano pronti da questa mattina per seguire il sempre affascinante momento in cui la luna, per un particolare allineamento geometrico, si frappone tra la Terra e il Sole. E anche in Italia, intorno alle 9.10, il fenomeno ha raggiunto il suo massimo. Il disco solare, a seconda delle località, è stato oscurato tra il 50 e il 70 % circa, trasformandolo per qualche minuto in un insolito “corno” luminoso.

Non tutti però hanno potuto godere di questo spettacolo della natura. Molte zone dell’Europa e della nostra penisola, soprattutto quelle tirreniche, erano infatti coperte da una fitta cappa nuvolosa. E purtroppo per questo tipo di “eclissi” terrestre non c’è rimedio.

Anche all’Osservatorio Astronomico INAF di Capodimonte (Napoli) la mattinata dal punto di vista meteorologico non è stata delle migliori. Tuttavia in alcuni momenti le nuvole si sono un po’ diradate, permettendo di filmare e fissare alcuni momenti dell’eclissi. Qui potete visualizzare la galleria di foto inviateci dalla struttura del capoluogo campano, alcune delle quali, scattate con la presenza di nubi a far da cornice al Sole, rendono ancor più suggestivo il fenomeno celeste. Gli autori sono Enrico Cascone e Andrea di Dato, entrambi dell’INAF-Osservatorio astronomico di Capodimonte.

E per tutti gli appassionati del Cielo, ricordiamo che questo 2011 promette di riservare tanti altri momenti emozionanti. Il primo giugno una nuova eclissi parziale di Sole sarà visibile dalla Siberia, Nord Canada, Groenlandia ed Artico. A seguire, il 15 giugno ci sarà una eclissi totale di Luna che sarà visibile dall’Italia. Si prosegue poi il primo luglio con la quarta eclisse dell’anno, che sarà parziale: il Sole sarà visibile solo in prossimità del Polo Sud. Sempre parziale e di Sole sarà la quinta eclisse del 2011 che si svolgerà il 25 novembre e sarà visibile in Antartide, Sud Africa, Tasmania e Nuova Zelanda.

Qui sotto, un’altra galleria d’immagini dell’eclissi, ottenute questa volta con il filtro magneto-ottico VAMOS, operativo sempre presso la sede Inaf di Capodimonte. Le sequenze osservative di 55 immagini, ottenute a partire dalle 08:05 U.T. e con la cadenza di 2 minuti, sono in velocità Doppler, intensità e campo magnetico longitudinale. Le due immagini piene sono rispettivamente una velocità doppler e un magnetogramma corrispondenti al massimo dell’eclisse (circa 9:17 ora locale). Nelle immagini di velocità Doppler si vede chiaramente la rotazione solare (in bianco velocità di avvicinamento) e nei magnetogrammi alcune regioni attive (le polarità positive sono in bianco). Gli autori sono Maurizio Oliviero, Giuseppe Severino e Ilaria Formicola.