NELLA GALASSIA M87 NELL'AMMASSO DELLA VERGINE

Super vulcano galattico

L'articolo, pubblicato da Monthly Notices, riporta risultati sui dati dela satellite della NASA Chandra e secondo gli autori il fenomeno dimostra sia come un buco nero influenzi l'evoluzione della galassia che lo ospita e come la fisica dell'universo sia simile a quella sulla Terra.

il buco nero di m87 ripreso da Hubble

il buco nero di m87 ripreso da Hubble

C’è un ‘super-vulcano galattico’ nella galassia M87, nell’ammasso della Vergine, a 50 milioni di distanza dalla Terra, che sta eruttando gas a raffica e che per certi versi somiglia al vulcano islandese Eyjafjallajokull che nella primavera scorsa ha paralizzato il traffico aereo europeo.

 Il vulcano cosmico è stato scoperto grazie all’Osservatorio spaziale a raggi X della Nasa Chandra e ai radiotelescopi Very Large Array in Nuovo Messico. Descritto sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society da un gruppo di ricerca coordinato dall’università americana di Stanford, il super vulcano ha origine da un buco nero gigantesco posto nel centro della galassia che sta impedendo anche la formazione di centinaia di milioni di nuove stelle.

A sorprendere gli scienziati sono state la similitudine fra la fisica di questo ‘vulcano’ e del vulcano Eyjafjallajokull e l’impatto che questa eruzione cosmica ha sulla galassia che ospita il buco nero e sulle galassie vicine. L’ammasso che circonda M87 è ricco di gas caldi che quando si raffreddano precipitano nel centro della galassia M87 dove continuano a raffreddarsi velocemente. Il processo potrebbe portare alla formazione di nuove stelle se non fosse interrotto dai getti di particelle alle alte energie prodotti dal buco nero che sollevano i gas in avvicinamento al centro della galassia eruttandoli e scagliandoli lontano come avviene in una eruzione vulcanica.

Questo fenomeno produce anche onde di shock nell’atmosfera della galassia che trasportano polveri in tutto l’ambiente circostante. Onde di shock causate dai gas caldi, spiegano gli scienziati, sono state osservate anche durante l’eruzione del vulcano Eyjafjallajokull, ”e l’analogia mostra che fenomeni astrofisici su larga scala ed eventi sulla Terra possono avere una simile fisica”.

Posta a una distanza di circa 50 milioni di anni luce, M87 è relativamente vicina alla Terra e si trova al centro dell’ammasso della Vergine, che contiene migliaia di galassie. La posizione di M87 unitamente alle lunghe osservazioni effettutate nel corso della vita del satellite Chandra, l’ha resa un ottimo soggetto per indagini di come un buco nero impatti suo ambiente.

“I nostri risultati mostrano come buchi neri supermassicci abbiano una notevole influenza sull’evoluzione delle galassie in cui vivono “, ha detto Norbert Werner dell’Istituto Kavli per Astrofisica Particellare e Cosmologia di SLAC Linear Accelerator Center, che ha guidato
uno dei due documenti che descrivono lo studio. “E non si ferma qui. Il buco nero si estende sempre più addentro l’intero ammasso, come similmente un piccolo vulcano può interessare praticamente un intero emisfero sulla Terra “.