OLTRE LA POLVERE, CON LA VISTA A INFRAROSSI

Quella coda di Serpente nel cielo sopra Paranal

Una miriade di stelle fa capolino attraverso il debole bagliore aranciato della nebulosa Sh2-54 in questa nuova immagine a infrarossi. Ubicato nella costellazione del Serpente, questo straordinario vivaio stellare è stato catturato con tutti i suoi intricati dettagli utilizzando il telescopio Vista (Visible and Infrared Survey Telescope for Astronomy) situato presso l'Osservatorio del Paranal dell'Eso, in Cile

     04/01/2023
Social buttons need cookies

Questa immagine (cliccare per ingrandire) della spettacolare nebulosa Sh2-54 è stata scattata in luce infrarossa utilizzando il telescopio Vista dell’Eso. Le nuvole di polvere e gas che sono normalmente evidenti in luce visibile sono qui meno evidenti. In questa banda di luce possiamo vedere la luce delle stelle che penetra attraverso la polvere e il gas delle nebulose. Crediti: Eso/Vvvx

Quando gli antichi guardavano il cielo notturno, vedevano le stelle formare disegni indefiniti. I Greci, per esempio, chiamarono una di queste “costellazioni” Serpente, per la sua somiglianza con l’animale. Quello che non avrebbero potuto vedere è che la coda di questa costellazione racchiude un tesoro di straordinari oggetti astronomici, tra cui le nebulose AquilaOmega e Sh2-54. Quest’ultima si rivela, sotto una nuova luce, in questa spettacolare immagine a infrarossi.

Le nebulose sono ampie nubi di gas e polvere da cui nascono le stelle. I telescopi hanno permesso agli astronomi di identificare e analizzare questi oggetti piuttosto deboli con dettagli finissimi. La nebulosa qui mostrata, ubicata a circa seimila anni luce di distanza da noi, è ufficialmente denominata Sh2-54; la sigla “Sh” si riferisce all’astronomo statunitense Stewart Sharpless, che catalogò più di 300 nebulose negli anni ’50 del secolo scorso.

A mano a mano che la tecnologia utilizzata per esplorare l’universo progredisce, aumenta anche la nostra comprensione di questi vivai stellari. Uno di questi miglioramenti è la capacità di guardare al di là della luce che può essere vista dai nostri occhi, usando per esempio la luce infrarossa. Proprio come il serpente, di cui la nebulosa prende il nome, ha raggiunto per mezzo dell’evoluzione la capacità di percepire la luce infrarossa per comprendere meglio il proprio ambiente, così anche noi abbiamo sviluppato strumenti a infrarossi per conoscere meglio l’universo.

Mentre la luce visibile viene facilmente assorbita dalle nubi di polvere nelle nebulose, la luce infrarossa può passare attraverso gli spessi strati di polvere quasi senza incontrare ostacoli (qui un’immagine interattiva che mostra bene la differenza). Questa immagine rivela quindi una vera raccolta di stelle nascoste dietro i veli di polvere. Ciò è particolarmente utile in quanto consente agli scienziati di studiare ciò che accade nei vivai stellari in modo molto più dettagliato e quindi di capire meglio come si formano le stelle.

L’immagine mostrata qui è stata catturata in luce infrarossa utilizzando la sensibile fotocamera da 67 milioni di pixel del telescopio Vista dell’Eso, ospitato all’Osservatorio di Paranal, in Cile. È stato ottenuta nell’ambito della survey Vvvx (Vista Variables in the Via Láctea eXtended survey, in inglese, cioè le variabili Vista nella survey estesa della Via Lattea). Si tratta di un progetto pluriennale che ha ripetutamente osservato un’ampia porzione della Via Lattea a lunghezze d’onda infrarosse, fornendo dati chiave per comprendere l’evoluzione stellare.

Fonte: press release Eso