A TREMILA METRI DI QUOTA SULL’ISOLA DI MAUI, HAWAII

Dkist, Sole a catinelle

Entra in piena attività scientifica il telescopio solare Dkist. Dopo le spettacolari immagini ottenute durante la fase di test preliminari, iniziano i progetti scientifici per indagare la fisica e l'attività della nostra stella con un livello di dettaglio mai raggiunto prima. Fornirà anche informazioni utili a prevedere l'innesco e lo sviluppo di fenomeni di space weather che possono avere un impatto nello spazio interplanetario

     04/03/2022
Social buttons need cookies

Un’inedita immagine di una macchia solare catturata dal telescopio solare Dkist l’11 maggio 2021. L’immagine è stata ottenuta grazie ai dati raccolti dallo strumento Visible broadband imager alla lunghezza d’onda di 450 nanometri. Crediti: Nso/Aura/Nnsf

Le sue prime osservazioni del disco solare, nel 2020, ci avevano lasciato subito a bocca aperta, segnando due record: l’immagine a più alta risoluzione della superficie solare e, dopo qualche mese, la più nitida ripresa di una macchia solare. Ora, completato il ciclo di test preliminari, segnato da ritardi legati anche in questo caso alla pandemia da Covid-19, il telescopio Daniel K. Inouye Solar Telescope (Dkist) entra finalmente nella sua fase di piena attività scientifica. È il coronamento di un progetto sviluppato nel corso di oltre 25 anni.

Il Dkist è ad oggi il più avanzato telescopio solare terrestre, dotato di uno specchio principale di quattro metri di diametro, un complesso sistema di raffreddamento necessario a smaltire il grande calore prodotto dalla radiazione solare captata e una suite di strumenti all’avanguardia, supportati anche da un modulo di ottiche adattive, che migliora la qualità delle immagini riducendo drasticamente gli effetti di “mosso” prodotti dalla turbolenza atmosferica. Dkist osserva il Sole dalla sommità del cratere Haleakala, a oltre tremila metri di quota, sull’isola di Maui, nell’arcipelago delle Hawaii.

«Siamo orgogliosi di mettere a disposizione della comunità scientifica mondiale il più potente telescopio solare», dice Sethuraman Panchanathan, direttore della National Science Foundation, l’agenzia federale statunitense che gestisce il telescopio. «Il Dkist è una meraviglia tecnologica moderna, intitolata al senatore Inouye, un eroe e un leader che si è speso per la ricerca e le scoperte scientifiche».

Con l’entrata del telescopio nella fase di piena attività, gli scienziati avranno a disposizione un formidabile strumento per misurare con grande precisione le caratteristiche dei campi magnetici associati alle macchie solari, ai brillamenti e alle espulsioni di massa coronale, oltre che raccogliere immagini dettagliate del disco della nostra stella. Tutte informazioni che saranno di fondamentale importanza per comprendere meglio i fenomeni fisici e l’attività del Sole, fornendo agli scienziati che si occupano della meteorologia dello spazio (space weather) nuove informazioni per prevedere l’innesco e lo sviluppo di fenomeni che possono avere un impatto nello spazio interplanetario e, soprattutto, sull’ambiente terrestre.

Per saperne di più:

Guarda anche il servizio video di MediaInaf Tv: