NATO IN AUSTRIA, È ATTUALMENTE A CAPO DI ESRIN, A FRASCATI

Josef Aschbacher è il nuovo direttore generale Esa

Oggi il Consiglio dell’Esa ha nominato Josef Aschbacher come prossimo direttore generale dell’Agenzia spaziale europea, per un periodo di quattro anni. Succederà a Jan Wörner, il cui mandato d’ufficio termina il 30 giugno 2021

     17/12/2020
Social buttons need cookies

Josef Aschbacher. Crediti: Esa/Philippe Sebirot, 2016

Josef Aschbacher sarà il nuovo direttore generale dell’Agenzia spaziale europea (Esa) per i prossimi quattro anni. La nomina è stata fatta oggi dal Consiglio dell’Esa, che ha così scelto il sostituto di Jan Worner, il cui mandato d’ufficio termina il 30 giugno 2021. Aschbacher è attualmente direttore dei Programmi di osservazione della Terra dell’Esa e capo dal 2016 dell’Esrin, il centro Esa vicino a Roma per l’osservazione della Terra.

Nato in Austria, Aschbacher ha studiato all’Università di Innsbruck, dove ha conseguito dei master e un dottorato in scienze naturali. Ha oltre tre decenni di esperienza di lavoro in organizzazioni internazionali, comprese l’Esa, la Commissione europea, l’Agenzia spaziale austriaca e l’Istituto asiatico di tecnologia. La sua carriera presso l’Agenzia spaziale europea è iniziata nel 1990 come giovane laureato. Dal 1994 al 2001 ha lavorato presso il Centro comune di ricerca della Commissione europea dell’Ispra in Italia, per poi ritornare all’Esa nel 2001, come coordinatore dei programmi, seguendo in particolare Copernicus. Nel 2014 è diventato Capo del coordinamento e pianificazione dei programmi all’Esrin. Oggi la nomina a direttore generale dell’Esa.

«Auguri di buon lavoro a Josef Aschbacher, neoeletto direttore generale dell’Esa», scrive in un tweet il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle politiche per lo spazio, Riccardo Fraccaro. «Grazie per l’impegno di questi anni alla guida del centro Esrin di Frascati, un’eccellenza che ha saputo valorizzare. Porterà la sua esperienza in Esa per affrontare le nuove sfide del settore spaziale».