RIPRESI INSIEME IL 25 AGOSTO 2020

Giove ed Europa in un ritratto mitico

Il telescopio spaziale Hubble ha immortalato una scena che rievoca il mito narrato da Ovidio nelle Metamorfosi: Giove e la sua luna Europa. La visione nitida di Hubble fornisce ai ricercatori un bollettino meteorologico aggiornato sull’atmosfera turbolenta del pianeta

     18/09/2020
Social buttons need cookies

Un capolavoro: come definirla se non così l’ultima immagine catturata dello Hubble Space Telescope? Ottenuta nell’ambito del progetto Outer Planets Atmospheres Legacy (Opal), il cui obiettivo è monitorare le atmosfere dei pianeti esterni del Sistema solare, mostra il pianeta Giove e la sua luna Europa immortalati insieme dal telescopio spaziale il 25 agosto scorso, quando il pianeta si trovava a 653 milioni di chilometri dalla Terra, rievocando così il mito del ratto di Europa raccontato da Ovidio nelle Metamorfosi. Un ritratto che per i ricercatori rappresenta una sorta di “bollettino meteorologico” della turbolenta atmosfera del gigante gassoso.

Crediti: Nasa, Esa, A. Simon (Goddard Space Flight Center) e M. H. Wong (University of California, Berkeley) and the Opal team

Un dettaglio unico ed emozionante della nuova istantanea appare guardando alle medie latitudini  nell’emisfero settentrionale, precisamente nella banda equatoriale settentrionale (North Equatorial Belt, Neb): una nuova tempesta luminosa, bianca e ampia che si muove a 560 chilometri all’ora. Sono visibili piccole macchie scure che vorticano in senso antiorario non presenti in passato. I ricercatori ipotizzano che potrebbe trattarsi dell’inizio della nascita di una grande e duratura macchia nell’emisfero settentrionale, capace di rivaleggiare con la Grande Macchia Rossa che domina l’emisfero meridionale.

Visibile all’interno della banda equatoriale meridionale (South Equatorial Belt, Seb), la Grande Macchia Rossa è il più grande fenomeno ciclonico gioviano e di tutto il Sistema solare. Attualmente misura circa 15800 chilometri di diametro – abbastanza grande da inghiottire la Terra – ed è di un colore rosso intenso, con il centro e la parte più esterna che appaiono di un rosso ancora più scuro. Come osservato a partire dal 1930, l’immensa tempesta si sta restringendo, tuttavia il suo tasso di ridimensionamento sembra ora essere rallentato.

Subito sotto, all’interno della banda temperata meridionale (South Temperate Belt, Stb) c’è l’Ovale BA, chiamata anche Piccola Macchia Rossa. Una piccola tempesta che negli ultimi anni si era sbiadita tornando via via alla sua tonalità originale, bianca, dopo essere apparsa rossa nel 2006. Le nuove immagini di Hubble mostrano ora un nucleo che sta oscurandosi, acquisendo nuovamente una tonalità rossastra.

Infine, a sinistra sullo sfondo, vicino al suo sposo Giove, re di tutti gli dèi, ecco la regina Europa: il quarto satellite naturale del pianeta Giove per dimensioni e il sesto dell’intero Sistema solare. Per via della presenza di un oceano liquido sotto la sua crosta ghiacciata, Europa è uno degli obiettivi principali nella ricerca di mondi abitabili oltre la Terra. La missione Jupiter Icy moons Explorer (Juice) dell’Esa, il cui lancio è previsto nel 2022, mira a esplorare sia Giove che tre delle sue lune ghiacciate: tra queste c’è anche Europa.

Hubble ha effettuato anche osservazioni multi-lunghezza d’onda, che offrono ai ricercatori una visione completamente nuova del pianeta. L’imaging nel vicino infrarosso, combinato con l’ultravioletto, fornisce una visione pancromatica unica che dà ai ricercatori informazioni sull’altitudine e sulla distribuzione della foschia e delle particelle del pianeta. Il video che presenta le due nuove viste di Giove scattate dal telescopio spaziale Hubble della Nasa / Esa lo trovate qui di seguito. Buona visione.

Guarda il breve video “Hubble’s New Views of Jupiter “ sul canale YouTube di Hubble: