CAMPAGNA DI TEST COMPLETATA A METÀ MARZO

Pollice su per Orion nei test ambientali

Dopo quattro mesi di rigorosi test ambientali, la navicella spaziale Orion della Nasa ha ottenuto la certificazione, compiendo un altro passo avanti verso il lancio, che la porterà a viaggiare attorno alla Luna con la missione Artemis I. Essendo la prima delle missioni Artemis, sarà senza equipaggio

     25/03/2020
Social buttons need cookies
Orion

Il veicolo spaziale Orion, al termine della campagna di test ambientali effettuata presso la Plum Brook Station della Nasa. Crediti: Nasa/Marvin Smith

Dopo quattro mesi di rigorosi test ambientali nella struttura di simulazione degli ambienti spaziali più importante al mondo, presso la Plum Brook Station della Nasa, la navicella spaziale Orion della missione Artemis I ha finalmente ottenuto la certificazione, compiendo un altro passo avanti verso il lancio.

La campagna di test, che è stata completata prima del previsto a metà marzo, ha sottoposto il veicolo spaziale alle temperature e alle condizioni elettromagnetiche estreme che subirà durante il suo volo di prova senza equipaggio attorno alla Luna (e ritorno), per verificare che tutto funziona come previsto.

La navicella spaziale tornerà al Kennedy Space Center della Nasa a bordo del Super Guppy, un grande aereo cargo utilizzato per trasportare carichi eccezionali, unico nel suo genere, dove inizierà l’assemblaggio finale e il checkout, inclusa l’installazione dei quattro array solari e l’eventuale integrazione con lo Space Launch System.