IL MACABRO GHIGNO DELLA NEBULOSA È SCAVATO DA UNA STELLA

Una zucca di Halloween cosmica

Lo Spitzer Space Telescope della Nasa ci regala questa mostruosa Jack-o’-lantern: una zucca di Halloween cosmica, intagliata dai venti stellari e illuminata da una stella di tipo O. Uno studio basato sul conteggio di stelle presenti in quella regione di cielo, finalizzato a determinare il tasso di formazione di stelle e pianeti nelle regioni esterne della galassia, è stato pubblicato su ApJ

     31/10/2019
Social buttons need cookies

Lo Spitzer Space Telescope della Nasa ci regala questa mostruosa Jack-o’-lantern: una zucca di Halloween cosmica, intagliata dai venti stellari e illuminata da una stella di tipo O, quindici o venti volte più massiccia del nostro Sole.

Questa immagine a infrarossi del telescopio spaziale Spitzer della Nasa mostra una nube di gas e polvere scavata da un’enorme stella. Un disegno sovrapposto all’immagine rivela perché i ricercatori hanno soprannominato questa regione la “Nebulosa Jack-o’-lantern”. Crediti: Nasa/Jpl-Caltech

Un recente studio della regione suggerisce che l’emissione di radiazione e di particelle da parte della stella al centro della nebulosa ha probabilmente spazzato via la polvere e il gas circostanti, spingendoli verso l’esterno e scavando gli occhi e il macabro ghigno di questa nebulosa.

Spitzer, che rileva la luce infrarossa, ha osservato la stella che brilla come una candela al centro di una zucca di Halloween. Gli autori dello studio non ci hanno pensato due volte a soprannominare la struttura “Nebulosa Jack-o’-lantern”, che nei paesi anglosassoni non è altro che la tradizionale zucca lavorata a mano, all’interno della quale si posiziona una candela accesa, per spaventare i passanti durante la ricorrenza di Halloween.

La nebulosa Jack-o’-lantern ripresa di Spitzer: il verde e il rosso rappresentano la luce emessa principalmente dalla polvere, irradiata a diverse temperature. La combinazione dei due colori crea tonalità gialle. Credit: Nasa/Jpl-Caltech

Invisibili all’occhio umano, tre lunghezze d’onda della luce infrarossa compongono l’immagine multicolore di questa nebulosa. Il verde e il rosso rappresentano la luce emessa principalmente dalla polvere, irradiata a diverse temperature, sebbene ci siano anche alcune stelle che irradiano prevalentemente a queste lunghezze d’onda. La combinazione di verde e rosso nell’immagine crea tonalità gialle. Il blu rappresenta una lunghezza d’onda per lo più emessa dalle stelle e da alcune regioni molto calde all’interno della nebulosa; mentre le regioni bianche indicano dove gli oggetti sono luminosi in tutti e tre i colori. La stella di tipo O appare come una macchia bianca al centro di un piccolo guscio di polvere rossa, vicino al centro della regione “scavata”.

La nebulosa Jack-o’-lantern ripresa di Spitzer: Una versione ad alto contrasto della stessa immagine rende la lunghezza d’onda rossa più pronunciata. Insieme, le lunghezze d’onda rosse e verdi creano una tonalità arancione. L’immagine evidenzia i contorni nella polvere e le regioni più dense della nebulosa, che appaiono più luminose. Credit: Nasa/Jpl-Caltech

Una versione ad alto contrasto della stessa immagine rende la lunghezza d’onda rossa più pronunciata. Insieme, le lunghezze d’onda rosse e verdi creano una tonalità arancione. L’immagine evidenzia i contorni nella polvere e le regioni più dense della nebulosa, che appaiono più luminose.

Lo studio che ha prodotto queste osservazioni è stato pubblicato su The Astrophysical Journal. I ricercatori hanno usato la luce infrarossa per contare, in questa regione, le stelle molto giovani in diversi stadi del loro sviluppo iniziale. Hanno contato anche le protostelle: baby stelle ancora avvolte nelle fitte nubi di polvere nelle quali sono nate.

Se combinati con i conteggi delle stelle adulte, questi dati permettono di determinare se il tasso di formazione di stelle e pianeti nelle regioni esterne della galassia differisce da quello nelle regioni più interne. Gli scienziati sono già a conoscenza del fatto che le condizioni differiscono leggermente nelle aree esterne, rispetto a quelle interne. Ad esempio, le nubi interstellari di gas e polvere verso le parti più esterne della galassia, sono più fredde e più scarsamente distribuite di quanto non lo siano vicino al centro della galassia (il che può ridurre il tasso di formazione stellare). Le nubi che formano stelle nelle aree esterne contengono anche quantità inferiori di elementi chimici pesanti, tra cui carbonio, ossigeno e altri ingredienti per la vita come la conosciamo. Studi come questo potrebbero anche determinare se pianeti simili alla Terra, in termini di composizione, sono più o meno comuni nella parte esterna della galassia rispetto a quanto lo siano nel nostro quartiere galattico.

Per saperne di più: