FOTORITRATTO PER NGC 2022

Bubble Hubble

Il telescopio spaziale Hubble cattura una nebulosa planetaria nella costellazione di Orione. Una bolla di gas luminescente che custodisce al suo interno una stella nella fase di gigante rossa, sorgente della luce ultravioletta che illumina questo scatto

Crediti: Esa / Hubble / Nasa, R. Wade

Un’efira al microscopio, una giovane medusa che si contrae ritmicamente nel liquido di un campione da laboratorio. Che dite? Potrebbe sembrare, almeno a prima vista. O, perché no, una bolla colorata! Come quelle sputate dal simpatico draghetto del videogioco arcade Bubble Bobble.

E invece quello che potete osservare in questa bella immagine raccolta dal telescopio spaziale Hubble nella costellazione di Orione è Ngc 2022, una gigantesca bolla di gas “soffiata” nello spazio da una stella che invecchia; una stella ben visibile al centro dello scatto mentre riluce attraverso la coltre di gas che per gran parte della vita ne ha costituito il corpo.

Sic transit gloria mundi. Quando una stella di massa paragonabile a quella del nostro Sole invecchia, si espande e si spoglia degli strati esterni di materiale che l’hanno composta, trasformandosi in quella che gli astronomi chiamano gigante rossa. Più della metà della massa di una stella può essere liberata in questo modo, dando forma a un guscio di gas attorno ad essa. Una bolla resa luminescente dall’emissione ultravioletta proveniente da Ngc 2022, il cui nucleo si restringe e diventa più caldo.

Questo tipo di oggetti viene chiamato, in modo un po’ confuso, nebulosa planetaria. Sebbene, come è evidente, non abbiano nulla a che fare con pianeti e sistemi planetari. Colpa dell’astronomo William Herschel, al quale l’aspetto arrotondato – simile a un pianeta – di questi oggetti nei primi telescopi sembrò quello di un sistema planetario in fase di formazione. Gli astronomi mantennero il nome dato da Herschel nel 1780 senza modificarlo. Si tratta comunque di un fenomeno relativamente breve se paragonato alla vita complessiva di una stella: poche decine di migliaia di anni.