LO SCATTO DA 21 METRI DI ALTEZZA

Ryugu fotografato con una raccolta di fondi

La piccola Cam-H è stata realizzata grazie al contributo di molti cittadini appassionati che hanno voluto partecipare alla missione della Jaxa Hayabusa2. La fotocamera ha ripreso la superficie dell’asteroide e lo strumento che raccoglierà i campioni di roccia

Immagini scattate con la piccola videocamera Cam-H durante l’operazione Touchdown 1 Rehearsal 3 (TD1-R3). Uno scatto al secondo da subito dopo che la navicella ha iniziato l’ascesa (altitudine 21 metri) il 25 ottobre 2018 alla velocità di 52 centimetri al secondo. Crediti: Jaxa

È grazie a una piccola fotocamera finanziata direttamente dai cittadini che la sonda giapponese Hayabusa2 è riuscita a fotografare la superficie dell’asteroide 162173 Ryugu durante una delle ultime operazioni di prova per il touchdown (rimandato ormai all’anno prossimo). La Cam-H (o small monitor camera in inglese) è stata installata nella parte inferiore della sonda dell’agenzia Jaxa in modo da poter fotografare l’asteroide durante le fasi di volo, avvicinamento e ascesa.

La Small Monitor Camera (Cam-H). Crediti: Jaxa

Negli scatti che vedete, realizzati lo scorso 25 ottobre da 21 metri di altitudine e a 300 milioni di chilometri di distanza dalla Terra, la fotocamera ha ripreso lo strumento che effettuerà il campionamento una volta che la sonda toccherà Ryugu e l’ombra della sonda stessa.

Yuichi Tsuda, project manager della missione, ha detto: «Questa fotocamera è stata realizzata con il supporto di tutti e aggiunge un grande appeal alla tecnologia e alla scienza nell’esplorazione di Ryugu. Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno donato e penso che utilizzeremo questa fotocamera sempre di più nelle operazioni future».